Mettere in dialogo Africa ed Europa. La mostra di Francis Offman a Bologna

Alla Galleria P420 di Bologna un inedito incontro fra due continenti. Lo si ritrova nelle opere del giovane artista ruandese Francis Offman

È un’autobiografia molto speciale quella che traccia Francis Offman (Butare, 1987) attraverso i lavori esposti, fino all’8 gennaio, alla P420 di Bologna.
Recuperati e riutilizzati, mai acquistati, i materiali delle sue opere ci raccontano una storia, la sua, nascosta fra le pieghe dei segni astratti di opere che, per questo, si differenziano dalla tendenza figurativa degli ultimi periodi. Sono i mezzi di un racconto a cavallo fra Africa ed Europa, fra diverse culture, usanze, ricchezze e povertà. Carte e caffè (i fondi, attenzione, non la polvere ancora da utilizzare) parlano del suo Paese di origine, che ha scelto di abbandonare del tutto l’uso della plastica e che produce la gran parte della nostra bevanda preferita.

Francis Offman. Exhibition view at P420, Bologna 2021. Photo Carlo Favero
Francis Offman. Exhibition view at P420, Bologna 2021. Photo Carlo Favero

LE OPERE DI FRANCIS OFFMAN DA BOLOGNA A TORINO

Cemento e gesso richiamano il nostro Paese, dove, fra l’uomo e il terreno, quello vero, si frappone sempre una superficie che ci impedisce il contatto reale con la natura e, forse, con il mondo. Scoperto attraverso il progetto OpenTour, che aveva come obiettivo proprio quello di scovare i talenti del territorio, Offman arriva oggi a essere protagonista di una mostra in una nota galleria della città, con tutte le opere vendute, non solo qui ma anche alla fi Artissima, dove la P420 lo ha appena portato. Fra queste, due finiranno in collezione al Castello di Rivoli, che ospiterà anche la sua prossima mostra.

Chiara Pilati

Eventi d'arte in corso a Bologna

Evento correlato
Nome eventoFrancis Offman
Vernissage09/10/2021
Duratadal 09/10/2021 al 08/01/2022
AutoreFrancis Offman
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoP420
Indirizzovia Azzo Gardino 9 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI