Artisti come influencer? Thomas Hirschhorn in mostra a Napoli

L’arte all’epoca dei social network ispira la provocatoria riflessione di Thomas Hirschhorn, in mostra alla galleria Alfonso Artiaco di Napoli

Stupisce, conoscendo l’estetica accumulatoria di Thomas Hirschhorn (Berna, 1957), incontrare uno spazio così netto e pulito nella sua nuova personale da Alfonso Artiaco.
Gli ambienti compulsivi di accumulo a cui ci ha abituato ‒ tra rimandi a Louise Nevelson o al Dada di Kurt Schwitters, e una magnificazione dei materiali in linea con il pre Informale di Rauschenberg ‒ sono sostituiti da una quasi pinacoteca di poster ordinatamente esposti a parete, simulanti post che riflettono su autorialità e appropriazione, con immagini dal web e statement dell’autore. Rinverdendo la funzione di fare arte con impegno, al di là di ogni arte impegnata.

Thomas Hirschhorn. I-nfluencer-Poster. Exhibition view at Alfonso Artiaco, Napoli 2021. Courtesy Alfonso Artiaco, Napoli. Photo Grafiluce
Thomas Hirschhorn. I-nfluencer-Poster. Exhibition view at Alfonso Artiaco, Napoli 2021. Courtesy Alfonso Artiaco, Napoli. Photo Grafiluce

LA MOSTRA DI THOMAS HIRSCHHORN A NAPOLI

Ma l’apparente contraddizione pare essere sanata, perché ciò che permane è la profonda dinamica comunicativa dell’autore: il suo uso dell’oggetto supera i linguaggi Dada, Neopop e Neogeo intendendolo, alla McLuhan, come estroflessione antropologica capace di evidenziare le criticità del nostro mondo. E Hirschhorn ama rendercene consapevoli con un processo di contrasto. Infatti, normalmente gonfia il disordine, moltiplicando modularmente oggetti che non sono normalmente presenti a migliaia nei nostri ambienti quotidiani ‒ in una serialità ossessiva che, contrariamente a quella metalinguistica di Warhol, non esautora, ma carica il messaggio. In questo caso, invece, la presa di coscienza passa necessariamente attraverso il rendere stranamente ordinato l’eccesso di informazioni, messaggi, notifiche che configura la vera garbage odierna, quella digitale. Con in più una voluta ingenuità grafica che strizza l’occhio all’Art Brut, evidenziando, oltre l’estetica superficiale adottata dai media, il loro ridurci tutti pericolosamente in uno stato regressivo, in balia di influencer nelle braccia dei quali, come direbbe Fromm, fuggire dalla libertà.

ARTE E INFLUENCER

Discreta ma intensa, ci salva la penultima sala: una mood board del progetto espositivo, che seguendo Michael Asher e la Institutional Critique, Philippe Parreno, Davide Minuti, Giulio Paolini, svela i trucchi: ogni artista, come ogni influencer, è uomo che lavora e riflette, soggettivamente.

Diana Gianquitto

Eventi d'arte in corso a Napoli

Evento correlato
Nome eventoThomas Hirschhorn - I-nfluencer-poster
Vernissage10/09/2021 ore 10
Duratadal 10/09/2021 al 06/11/2021
AutoreThomas Hirschhorn
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA ALFONSO ARTIACO
IndirizzoPiazzetta Nilo 7 80134 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Diana Gianquitto
Sono un critico, curatore e docente d’arte contemporanea, ma prima di tutto sono un “addetto ai lavori” desideroso di trasmettere, a chi dentro questi “lavori” non è, la mia grande passione e gioia per tutto ciò che è creatività contemporanea. Collaboro stabilmente con Artribune dal suo nascere, dopo aver militato fino al 2011 in Exibart. Curo rassegne, incontri, mostre, corsi, workshops e seminari in collaborazione, tra gli altri, con il Pan – Palazzo delle Arti Napoli, il Forum Universale delle Culture 2010, la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Università Parthenope e le gallerie Overfoto e Al Blu Di Prussia. Sono da anni ideatrice, curatrice e docente di corsi e laboratori di avvicinamento all’arte contemporanea in numerosi enti culturali, condotti secondo una metodica sperimentale da me ideata che sintetizzo sotto il label di CCrEAA - Comprensione CReativa e Empatico Ascolto dell'Arte e che mira a promuovere un ascolto empatico dell’arte allo scopo di una sua comprensione, comunicazione, divulgazione e veicolazione più profonda e incisiva. La mia ricerca è orientata in particolare verso le forme espressive legate alle tecnologie digitali, all’immateriale, alla luce e all'evanescenza, a un’evocazione di tipo organico, a una ricognizione olistica del senso antropico ed esistenziale capace di armonizzare indagine estetica, sensoriale, cognitiva, emotiva e relazionale. [ph: Giuliana Calomino (particolare)]