La rinascita culturale dell’Eur di Roma. Tutti i progetti artistici

Riemergere: una fitta programmazione di oltre 100 eventi di musica, parola, arte, cinema, teatro, giornalismo animerà La Nuvola e il Palazzo dei Congressi fino al prossimo anno. Non mancano interventi di arte pubblica firmati da artisti internazionali.

Dopo i lunghi mesi impiegato come efficiente hub vaccinale, il centro congressi la Nuvola di Roma torna ad essere una destinazione culturale, di eventi e di incontri. Un “Riemergere”, parola particolarmente significativa in questo periodo storico tanto da essere scelta come titolo per la prima edizione di un programma di eventi ideato da EUR Culture per Roma e realizzato da EUR S.p.A. con la direzione artistica di Oscar Pizzo. Dal 15 settembre 2021 al 29 giugno 2022, il fitto programma di eventi dedicati a musica, parola, arte, cinema, teatro e giornalismo, renderà l’inconfondibile Nuvola progettata Massimiliano Fuksas, il Palazzo dei Congressi e l’intero complesso urbanistico, un nuovo polo della cultura capitolina. Oltre 600 gli artisti invitati a partecipare: i più attesi? La rockstar Patti Smith, il video artista Bill Viola, la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, il teatro di Romeo Castellucci, una mostra che riunisce de Chirico, Guttuso, Zeffirelli, Calder, Kentridge e altri (qui il programma completo). Intanto, uno sguardo alle opere pubbliche che animano l’EUR di Roma in questi giorni e quelle attese per i prossimi mesi.

– Giulia Ronchi

https://www.eurspa.it/

1. IL CARRO ARMATO DI GUIDO IANNUZZI

Guido Iannuzzi, Bauhaus Think Thank

Bauhaus Think-Tank è il titolo dell’opera dell’artista romano Guido Iannuzzi, esposta fino al 31 dicembre 2021 nell’area del Parco del Laghetto dello Chalet del Lago, recentemente riqualificata. Si tratta di un insolito carro armato bicolore – precedentemente in mostra al MART di Rovereto – che celebra i principi ispiratori della Bauhaus (di cui nel 2019 sono ricorsi i 100 anni dalla fondazione), in particolare quelli riferiti alla condivisione delle competenze, dei saperi e della concretezza. Proprio per questo, l’intervento di Iannuzzi mira a depotenziare il valore aggressivo e offensivo di cui solitamente è portatore il carro armato, ribaltandone il significato e ponendo l’attenzione sull’importanza della solidarietà, della condivisione, dell’amore e la difesa dei più deboli. “L’opera è anche un invito ad abbattere i muri che ci dividono in corporazioni, fazioni e gruppi contrapposti”, ha spiegato l’artista, “impedendoci di condividere proficuamente le diverse competenze e capacità”.

Guido Iannuzzi, Bauhaus Think-Tank
Fino al 31 dicembre 2021
Parco del Laghetto dello Chalet del Lago, EUR

 

2. DON MCCULLIN – LA QUADRIGA

Don McCullin

Nell’ambito del programma culturale Rinascere, un’opera d’arte pubblica viene commissionata a Don McCullin (Londra, 1935), tra i più famosi nomi mondiali della fotografia. La sua opera – di cui ancora non si conoscono i dettagli – andrà a riempire il vuoto di un incompiuto di epoca fascista: sulla facciata del Palazzo dei Congressi di piazzale Kennedy, infatti, si staglia una enorme mensola vuota, che avrebbe dovuto accogliere il gruppo scultoreo in bronzo Quadriga della Vittoria Fascista, commissionata nel 1941 a Francesco Messina nel 1941. Le vicende della guerra, però, causarono l’interruzione dei lavori per la costruzione del quartiere dell’EUR e per il monumento celebrativo. Un omaggio alla storia e alla cultura della Roma Augustea che nel 2022 verrà riproposto, ma in chiave contemporanea.

Don McCullin, La Quadriga
16 febbraio – 9 marzo 2022
Palazzo dei Congressi
Piazzale Kennedy 1, Roma

 

3. JANET ECHELMAN ALLA NUVOLA

Janet Echelman, Noli Timere

Janet Echelman (Tampa, 1966) arriverà per la prima volta nella Capitale, con un’installazione monumentale allestita nel foyer principale de La Nuvola a partire dal 18 novembre 2021. L’artista internazionale, che ha esposto in oltre 20 Paesi di tutto il mondo, presenta per l’occasione Noli Timere, titolo tratto dalle ultime parole che il poeta premio Nobel Seamus Heaney scrisse a sua moglie prima della sua morte. La sua opera, al confine tra scultura e architettura, si librerà nello spazio della sala attraverso linee morbide e sinuose, ispirandosi – nella concezione dello spazio – alla classicità della storia dell’arte italiana.

Janet Echelman, Noli Timere
Dal 18 novembre all’8 dicembre 2021
Foyer della Nuvola
https://www.instagram.com/p/CT79W0spsh1/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.