Tutte le sfumature della meraviglia in mostra a Cisternino

La Torre Civica di Cisternino accoglie le riflessioni di cinque artisti pugliesi sul concetto di meraviglia. Tra fiaba, memoria e infanzia.

Quanti significati può avere l’idea di meraviglia? Tentano di dare risposta a questo interrogativo i cinque artisti pugliesi riuniti dalla mostra allestita presso la Torre Civica di Cisternino, magnetico esempio di architettura normanno-sveva.

FAVOLA E MEMORIA IN MOSTRA

L’universo della favola e della memoria è alla base dell’opera di Valeria Quaranta, Vacuilab, che rappresenta una parte dello studio di Grottaglie dell’artista: pupazzi accigliati, dipinti e opere in macramè evocano cupe atmosfere di un passato remoto. La seconda sala è arricchita dalle suggestioni cromatiche generate dal simbolismo mistico della poetica pittorica “neoplatonica” di Emilio D’Elia, che propone l’installazione-costellazione I suoni del centro, scandagliando i confini del blu oltremare attraverso tre dipinti su carta.

Emilio D'Elia, Nostra Signora della luce, 2020, tecnica mista pigmenti naturali su carta giapponese, cm 107x78
Emilio D’Elia, Nostra Signora della luce, 2020, tecnica mista pigmenti naturali su carta giapponese, cm 107×78

DAL MITO ALL’INFANZIA

L’installazione ambientale di Gianfranco Basso, invece, è caratterizzata da innumerevoli fili rossi appesi nella penombra della sala, a evocare i fili delle vite che, nella mitologia greca, le Moire avevano il compito di tagliare. Conclude il percorso Kinderszenen, l’installazione di Gianluca Esposito e Fabio Maria Alecci. I due artisti ricreano, soprattutto grazie al linguaggio della scultura, “scene infantili”, rappresentando con atmosfere ludiche ma anche un po’ sinistre l’universalità dell’infanzia.

Cecilia Pavone 

Evento correlato
Nome eventoLa Torre delle Meraviglie
Vernissage09/08/2021
Duratadal 09/08/2021 al 30/09/2021
CuratoreCarmelo Cipriani
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoTORRE NORMANNO SVEVA
IndirizzoVia San Quirico, 1, 72014 - Cisternino - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".