Tutta l’importanza del gesto nella mostra di Alexandra Lethbridge a Milano

Quanto conta un gesto nella vita di ogni giorno? E come viene letto da un artista? Sono queste le riflessioni alla base della serie fotografica di Alexandra Lethbridge alla Other Size Gallery di Milano.

Si dice che la Venere di Milo reggesse in una delle sue mani una mela, anche se, di fatto, questa ipotesi non è mai stata dimostrata. Se il gesto rappresenta una componente della comunicazione non verbale, la statua, senza quel gesto, è giunta fino a noi amputata del messaggio che voleva veicolare.
La serie di fotografie di Alexandra Lethbrigde (Hong Kong, 1987), vincitrici del Belfast Photo Festival 2021, esplorano questo concetto. La personale curata da Claudio Composti si intitola The Archive of Gesture ed è presentata dalla Other Size Gallery di Milano.

Alexandra Lethbridge, Deleted, from the series The Archive of Gesture, 2021
Alexandra Lethbridge, Deleted, from the series The Archive of Gesture, 2021

L’artista gioca con still life della cultura classica o immagini “trouvé”, occultandone porzioni attraverso interventi digitali proprio per esaltare l’importanza di quelle porzioni, senza le quali il significato si altera. Una riflessione sul tema della disinformazione e del fraintendimento. Degna di nota la dimensione installativa della mostra: alcune fotografie sono stampate su teli trasparenti fruibili su entrambi i lati che, mantenendo l’inevitabile bidimensionalità dell’oggetto foto, simulano la tridimensionalità dell’oggetto scultura.

Martina Massimilla

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoAlexandra Lethbridge - The Archive of Gesture
Vernissage08/09/2021 ore 16
Duratadal 08/09/2021 al 15/10/2021
AutoreAlexandra Lethbridge
CuratoreClaudio Composti
Generifotografia, personale
Spazio espositivoOTHER SIZE GALLERY
IndirizzoVia Andrea Maffei 1 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Martina Massimilla
Martina Massimilla è un’archivista e critica d’arte. Frequenta l’Università degli Studi di Firenze laureandosi in Lettere Moderne (laurea triennale) e poi in Scienze Archivistiche e Biblioteconomiche (laurea magistrale) con una tesi sullo storico lucchese Guglielmo Lera. Iscritta nell’Elenco dei professionisti della Provincia di Lucca nella categoria “Archivisti e catalogatori dei beni librari e documentari e conservatori dei beni culturali”, svolge le sue prime esperienze professionali presso l’Archivio di Stato di Lucca e poi presso il Gabinetto Vieusseux (Palazzo Strozzi, Firenze). Continua il suo percorso professionale specializzandosi negli archivi di moda, partecipando alla digitalizzazione dell’Archivio Gucci presso l’omonimo museo in Piazza della Signoria a Firenze, per poi spostarsi a Roma, lavorando presso l’Archivio Valentino, dove si è occupata della digitalizzazione e metadatazione della rassegna stampa. Ha conseguito un Master in Curatorial Management presso l’Istituto Marangoni di Firenze e dal 2016 è contributing author per Artribune.