Il museo PART di Rimini apre il suo parco di sculture

Sul retro dei due importanti palazzi medievali che ospitano il museo della Collezione San Patrignano ecco comparire un rigoglioso giardino con sette sculture

Il Giardino di Sculture del PART di Rimini
Il Giardino di Sculture del PART di Rimini
Rimini non si accontenta del successo attorno all’inaugurazione del nuovo Fellini Museum e già sfodera un’altra attrazione culturale non da poco. Si completa, infatti, il progetto del PART, il museo d’arte contemporanea della città nato grazie alla famiglia Moratti e alla Collezione di San Patrignano accolte dal Comune di Rimini in due importanti palazzi medievali sulla piazza principale del centro. E si completa con un giardino di sculture aperto al pubblico e alla cittadinanza che sarà inaugurato a settembre ma che è già in questi giorni visitabile.
 

IL PROGETTO DI LUCA CIPELLETTI DEL NUOVO GIARDINO

Notevoli le soluzioni di allestimento, congegnate come quelle interne del museo, da Luca Cipelletti, che creano un percorso che si può vivere sia come autentico spazio museale che come semplice e rigoglioso giardino all’italiana dove prendere il fresco e rilassarsi.

LA COLLEZIONE SAN PATRIGNANO AL PART

Il modello di collezione è il medesimo di tutto il resto del PART. Le opere sono donate da artisti, collezionisti, benefattori e galleristi al museo che ha l’obbligo di tenerle per 5 anni. Passato questo intervallo di tempo, solo in presenza di progetti speciali a favore della comunità di San Patrignano, le opere possono essere vendute e monetizzate. Uno schema che ha portato al PART decine di donazioni di rilievo. Nel parco ci sono lavori di Chen Zhen, Piotr Uklanski, Kiki Smith, Arnaldo Pomodoro, Giuseppe Penone, Paul Kneale e Alberto Garutti, visibili come percorso aggiuntivo alla visita per chi entra nel museo ma “sbirciabili” anche da fuori, attraverso le ringhiere che affacciano sulla nuovissima e pedonale Piazza Malatesta.
-Massimiliano Tonelli
Dati correlati
Spazio espositivoPART PALAZZI DELL’ARTE RIMINI
IndirizzoPiazza Cavour - Rimini - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena. Dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Direttore editoriale del Gambero Rosso dal 2012 al 2021. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune.