Persephone Overland, a Milano il rito-performance che celebra la raccolta del grano

È un rituale dal carattere ancestrale legato al ciclo delle messi la performance che si terrà a Milano, nelle campagne del quartiere Chiaravalle: un omaggio a Persefone e alla raccolta del grano, che vedrà protagonista il compositore e pianista Roberto Cacciapaglia

Persephone Overland
Persephone Overland

È tra i personaggi più affascinanti della mitologia greca, in lei convivono luce, ombra, vita e morte: è Persefone, figlia di Demetra e Zeus, rapita da Ade – dio degli Inferi – e divenuta sua sposa, e quindi anche lei regina dell’Oltretomba. Stando alla versione più diffusa del mito, Persefone per due mesi l’anno – ovvero autunno e inverno – trascorre il suo tempo vicina al suo consorte nel regno dei morti, per poi andare sulla Terra durante la primavera e l’estate, dalla dea delle messi Demetra, facendo rifiorire la terra al suo passaggio. Pochi personaggi del mito greco – e della cultura euromediterranea tutta – hanno una carica ancestrale ed energetica potente come Persefone, alla quale è legato anche il ciclo delle messi, e quindi della raccolta del grano, la principale fonte di nutrimento degli esseri umani. Per millenni alla mietitura del grano e alle divinità che la governano sono stati dedicati rituali, per propiziare la buona riuscita del raccolto; molte di queste usanze, soprattutto nell’Occidente industrializzato, sono andate perdute, anche se tra qualche giorno, a Milano, un nuovo rituale sarà dedicato alla figlia di Demetra, sotto forma di performance artistica. Si tratta di Persephone Overland, rito contemporaneo che il prossimo 10 luglio celebrerà la mietitura dei campi di farro a Chiaravalle – quartiere della periferia sud di Milano immerso nella campagna – coltivato dal mastro panificatore Davide Longoni.

Persephone Overland
Persephone Overland

LA PERFORMANCE PERSEPHONE E IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL QUARTIERE CHIARAVALLE

Persephone Overland è un progetto a cura di Forme Tentative e Terzo Paesaggio, organizzazione che si pone come obiettivo la “rigenerazione urbana a base culturale” di Chiaravalle. Realizzato in collaborazione con con Azienda Agricola Davide Longoni, MadreProject, Phoebe Zeitgeist, Soulfood Forestfarms e Frange Mobili, Persephone Overland è un rito contemporaneo che si svolgerà alle prime luci dell’alba tra i campi di Chiaravalle, con la drammaturgia e la regia a cura di Giuseppe Isgrò, l’allestimento performativo del collettivo artistico Phoebe Zeitgeist e la partecipazione del compositore e pianista Roberto Cacciapaglia.

PERSEPHONE OVERLAND, IL RITO DELLE MESSI A MILANO

“Persephone, figlia di Demetra, dea dell’agricoltura e sorella di Giove, viene costretta a regnare nell’Oltretomba a fianco di Plutone, dopo essere stata da lui rapita. Essa rinuncia all’effimero, perseguendo la finale volontà di riappropriarsi del Fato che ha predeterminato il suo percorso, traducendolo in un destino ambiguo”, racconta ad Artribune Giuseppe Isgrò. “Phoebe Zeitgeist | Promiscua, costruirà in site-specific, l’approdo nei campi di Demetra (interpretata da Chiara Verzola) e Persephone (interpretata da Francesca Frigoli), che assumeranno il ruolo di mediatrici tra la vita e la morte, ma anche di sacerdotesse, per celebrare il rito della mietitura e della natura che è ritornata ad appropriarsi dei suoi spazi. I campi di Chiaravalle a Milano, coltivati dal maestro panificatore Davide Longoni, saranno la scena in cui si evocherà il mito”. Completa la performance il sound design diffuso a cura di Shari DeLorian, con impulsi elletroacustici, field recording e campionamenti dal repertorio della musica classica. Per partecipare al rituale, è necessario prenotarsi Eventbrite: solo così sarà possibile conoscere il luogo esatto in cui si svolgerà l’evento.

– Desirée Maida

www.terzopaesaggio.org
www.davidelongoni.com
Clicca qui per partecipare a “Persephone Overland”

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.