Nasce Biennale College Arte: bando per artisti under 30 che aspirano alla Biennale di Venezia

Il programma prevede la selezione e lo sviluppo di 12 progetti artistici e, in una seconda fase, la produzione di 4 progetti artistici che saranno presentati, fuori concorso, alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte

Biennale College Arte
Biennale College Arte

Biennale College è un’esperienza che integra tutti i Settori della Biennale di Venezia – Cinema, Danza, Teatro, Musica e Archivio Storico – per promuovere giovani talenti, offrendo loro di operare a contatto di grandi maestri per la messa a punto di specifiche creazioni che diventeranno parte dei programmi dei Settori artistici. Tutti settori che, fino a ieri, non contemplavano l’Arte, cuore nevralgico della storica rassegna veneziana. Ora, però, quel vuoto è stato colmato perché è online il primo bando Biennale College Arte, il cui workshop avrà inizio dal prossimo autunno 2021. L’obiettivo è quello di affiancare all’Esposizione Internazionale d’Arte un laboratorio di alta formazione, ricerca e sperimentazione per lo sviluppo e la produzione di progetti di artisti emergenti under 30, provenienti da tutto il mondo.

BIENNALE COLLEGE ARTE: OPPORTUNITA’ PER ARTISTI EMERGENTI UNDER 30

Con l’avvio del College Arte, La Biennale offre un’ulteriore importante opportunità a giovani artisti di allargare il raggio dei propri rapporti professionali e soprattutto di stringere relazioni con altri giovani e con affermati professionisti”, dichiara entusiasta il Presidente della Biennale Roberto Cicutto. “Le artiste e gli artisti saranno accompagnati in una nuova fondamentale tappa della loro crescita dal curatore dell’Esposizione Internazionale e dai tutor che li assisteranno. Dopo Cinema, Danza, Teatro, Musica e Archivio Storico, l’Arte non poteva mancare a questo approfondimento che caratterizza le attività della Biennale da molti anni. Sono grato alla Curatrice della Biennale Arte 2022, Cecilia Alemani, di aver accettato di aprire questa nuova sfida, che la carica di più responsabilità e lavoro. Ma sono certo che i risultati, che saranno raggiunti a partire dal prossimo anno e per molti anni a venire, ripagheranno largamente dell’impegno investito. La Biennale è lieta di accogliere nella propria famiglia ancor più giovani artisti, ai quali va un grande in bocca al lupo per l’affrontare con noi questa nuova straordinaria esperienza”.

BIENNALE COLLEGE ARTE: IL METODO

Il workshop di 10 giorni a Venezia nel mese di ottobre 2021, che alternerà momenti individuali e di gruppo, sarà, infatti, coordinato dalla Direttrice del Settore Arti Visive, Cecilia Alemani, assieme a curatori e artisti, tutor e mentori direttamente impegnati con i partecipanti nello sviluppo dei 12 progetti selezionati. Al termine del workshop i singoli artisti (o un duo di artisti) avranno a disposizione 3 settimane per lavorare sui progetti e consegnare una proposta finale. Sulla valutazione dei materiali Cecilia Alemani selezionerà fino a 4 progetti, che potranno accedere a un contributo massimo di 25mila euro per la realizzazione del lavoro finale. Il tutto sarà presentato, fuori concorso, nel contesto della 59. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Il latte dei sogni / The Milk of Dreams: un titolo tratto da un libro dell’artista britannica Leonora Carrington (1917 – 2011) in cui, come spiega Cecilia Alemani, “l’artista surrealista descrive un mondo magico nel quale la vita è costantemente reinventata attraverso il prisma dell’immaginazione e nel quale è concesso cambiare, trasformarsi, diventare altri da sé. La mostra propone un viaggio immaginario attraverso le metamorfosi dei corpi e delle definizioni dell’umano”.

BIENNALE COLLEGE ARTE: IL BANDO

Con l’obiettivo di completare ed arricchire l’Esposizione Internazionale d’Arte, la Biennale Arte 2022, con opere commissionate ad artisti emergenti, il bando internazionale è riservato ad under 30 provenienti da tutto il mondo (che non abbiano compiuto 31 anni alla data di scadenza di presentazione delle domande), che abbiano partecipato ad almeno una mostra collettiva e al cui lavoro sia stata dedicata almeno una mostra personale in spazi espositivi riconosciuti in ambito nazionale e/o internazionale. L’obiettivo? Lo sviluppo di un progetto artistico attraverso una serie di workshop incentrati su formazione, ricerca e sperimentazione. Il workshop riguarderà l’ideazione, lo sviluppo, la produzione di progetti specifici proposti in anticipo e selezionati dalla Biennale di Venezia. C’è tempo fino al 26 luglio 2021 per partecipare.

– Claudia Giraud 

www.labiennale.org/it/arte/2022/biennale-college-arte-20212022-bando

Eventi d'arte in corso a Venezia

Dati correlati
CuratoreCecilia Alemani
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).