La pietra al confronto con l’antico. Riccardo Monachesi in mostra a Roma

Si intitola “Pietra plasmata” la mostra che attualmente abita le suntuose sale di Palazzo delle Pietre nel cuore di Roma. Qui le opere contemporanee di Riccardo Monachesi si incontrano e dialogano con i frammenti d’epoca della collezione privata di Carlo Mazzi. Tra sculture antiche, fregi intarsiati, capitelli e portali in travertino.

Pietra plasmata. Installation view at Palazzo delle Pietre, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli
Pietra plasmata. Installation view at Palazzo delle Pietre, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli

Una grande vetrina si affaccia sulla storica Via delle Coppelle, a Roma, quasi a far entrare i passanti nel vivo della mostra Pietra plasmata, organizzata da Raffaella Lupi della Galleria Sinopia e Barbara Mazzi Pensieroso del Palazzo delle Pietre. Dall’esterno è possibile vedere un susseguirsi di opere dalla disposizione ordinata e dai colori brillanti, capaci di catturare uno sguardo fuggevole e farlo sporgere per vedere cos’altro si nasconde nei meandri del prezioso Palazzo.

LE SCULTURE DI RICCARDO MONACHESI

La mostra riunisce 34 opere che rappresentano una summa significativa dell’attività di Riccardo Monachesi (Roma, 1977), racchiudendo anche una serie sviluppata proprio durante il lockdown: Do ut des. Le sculture dalle forme ampie e voluminose prendono vita sotto le mani dell’artista, proprio come nella serie Pneuma ‒ degli anni 2010 e 2011 ‒ che, grazie a una apposita apertura, sembrano respirare l’aria che le circonda.
La materia si trasforma tanto da apparire morbida e avvolgente, come la collezione Cubi (prodotta tra il 2003 e il 2018), dagli angoli smussati e ripiegati su se stessi. Per non parlare delle opere realizzate a quattro mani con Elisa Montessori, tra il 2009 e il 2013, scelte all’interno della stessa produzione acquisita proprio dalla Galleria Nazionale e collocata presso il Museo Boncompagni Ludovisi. Queste, nonostante vedano l’azione congiunta di due artisti dall’identità forte, risultano estremamente equilibrate, sia in termini formali sia cromatici, tanto che nessuno predomina sull’altro rendendo l’opera un unicum di intenti.

Pietra plasmata. Installation view at Palazzo delle Pietre, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli
Pietra plasmata. Installation view at Palazzo delle Pietre, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli

ARTE ANTICA E CONTEMPORANEA A PALAZZO DELLE PIETRE

La mostra si accosta a un’altra sfera, quella più antica, dove sono custodite le preziose pietre d’epoca della collezione privata di Carlo Mazzi, oggetti che risalgono a diversi periodi, da quello romano imperiale – I secolo a.C. e III secolo d.C. ‒ all’epoca romanica e al Rinascimento. “Questa mostra riflette lo spirito con il quale abbiamo creato un luogo in cui la materia degli spazi incontra l’esperienza della conoscenza, dando voce alle eccellenze e ai talenti presenti sul territorio, per condividere e promuovere l’arte e la cultura del bello”, ha dichiarato Barbara Mazzi Pensieroso.

Valentina Muzi

ACQUISTA QUI la monografia di Riccardo Monachesi

Evento correlato
Nome eventoRiccardo Monachesi - Pietra plasmata
Vernissage22/12/2020 no
Duratadal 22/12/2020 al 31/01/2021
AutoreRiccardo Monachesi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoPALAZZO DELLE PIETRE
IndirizzoVia delle Coppelle 23 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.