Sta scrivendo…: l’azione urbana poetica di Iginio De Luca a Roma. Le immagini

Dietro a un’opera, a una mostra o all’azione di un artista c’è molto spesso il dialogo col curatore, una necessaria fase di preparazione, uno scambio umano oggi fatto anche di messaggi confidenziali scritti rapidamente su Whatsapp. Iginio De Luca li ha stampati e affissi per le strade di Roma.

Iginio De Luca, Sta Scrivendo..., Roma © Luis do Rosario
Iginio De Luca, Sta Scrivendo..., Roma © Luis do Rosario

Se le vignette bianche e verdi di Whatsapp occupano il campo visivo di chiunque per gran parte della giornata, non è altrettanto consueto trovare queste schermate affisse per le strade di Roma. L’artista Iginio De Luca (Formia, 1966) ne ha fatto il punto focale della sua azione urbana poetica, avvenuta il 22 dicembre dall’alba al tramonto e tutt’ora visibile per la Capitale (qui la mappa completa). Sta scrivendo… è il titolo dell’opera, riferito alla scritta che compare sulla app di messaggistica quando il nostro interlocutore sta digitando la risposta. Il contenuto delle immagini sono le conversazioni avvenute tra l’artista e il curatore Claudio Libero Pisano, con cui collabora da anni, mentre lavoravano alla preparazione di una mostra avvenuta nel 2017 negli spazi di AlbumArte. Sta scrivendo… intende quindi portare allo scoperto tutto il lavoro che precede l’opera conclusa: non solo la progettazione dell’artista, ma anche lo scambio umano, che passa talvolta per una comunicazione rapida, frammentata, persino sgrammaticata, ma immediata e genuina, sugli schermi dello smartphone. “Si parla poco del rapporto tra curatore e artista, dei legami che servono ad arrivare a una mostra finita”, spiega Claudio Libero Pisano. “La banalità di una conversazione in chat diventa veicolo per provare a capire di cosa è fatto il rapporto tra un curatore e un artista. Chi sono e perché sono decisivi l’uno per l’altro. Quei manifesti in giro per la città che mostrano frammenti di pensieri e parole rimettono finalmente l’artista e il curatore nel mondo degli imperfetti umani”.

– Giulia Ronchi

Iginio De Luca, Sta scrivendo…
con la partecipazione di AlbumArte e Claudio Libero Pisano
Roma, luoghi diffusi

scarica la mappa

ACQUISTA QUI il libro “Blitz” di Iginio De Luca

Dati correlati
AutoreIginio De Luca
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.