Colore, luce e architettura antica. Stanley Whitney a Roma

Dopo il lungo slittamento dettato dal Covid-19 e la preview dell’estate, finalmente i nuovi dipinti realizzati da Stanley Whitney tra la caotica New York e la tranquilla Bertacca (nei pressi di Parma) si mostrano al pubblico. In un acceso botta e risposta cromatico in scena da Gagosian.

Nelle opere di Stanley Whitney (Philadelphia, 1946) c’è un’America caratterizzata da un rosso cardinale sviluppato in loco, insieme a un’Italia contraddistinta da un rosso vermiglio, lo stesso degli affreschi di Boscoreale al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Questo è solo uno degli accordi cromatici che lega le due sfere culturali, lì dove i colori di un glorioso passato camminano mano nella mano con quelli del presente all’interno di uno schema geometrico che guarda alle imponenti facciate del Colosseo, di Palazzo Farnese nonché ai ripiani delle urne funerarie del Museo Nazionale Etrusco.
L’intero corpus di opere ha il ritmo deciso e allo stesso tempo morbido del jazz, mai ridondante e libero dagli schemi. In occasione dell’inaugurazione, nello spazio attiguo de La Fondazione, sfumature poetiche e musicali hanno preso vita in una performance firmata da Elisa Biagini e Go_Dex Quartet.

Valentina Muzi

Evento correlato
Nome eventoStanley Whitney
Vernissage10/09/2020 ore 12
Duratadal 10/09/2020 al 17/10/2020
AutoreStanley Whitney
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGAGOSIAN GALLERY
IndirizzoVia Francesco Crispi 16 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.