Pittura e apparizioni. Francesco Lauretta e Luigi Presicce in Sicilia

La San Sebastiano Contemporary – Casa Bramante a Palazzolo Acreide, in Sicilia, ospita la bipersonale di Francesco Lauretta e Luigi Presicce, artisti entrambi attivi a Firenze. Un energico e misterioso dialogo sulla pittura, oggi più che mai attuale e carico di nuovi stimoli.

È un omaggio alla pittura Sono apparso alla mela di Cézanne, mostra in corso alla San Sebastiano Contemporary – Casa Bramante a Palazzolo Acreide, che vede protagonisti Francesco Lauretta (Ispica, 1964) e Luigi Presicce (Porto Cesareo, 1976) in un singolare e criptico dialogo, le cui battute sono affidate alle suggestioni di opere che, nonostante la diversità di stile e linguaggi, sembrano interconnesse, quasi telepatiche.

A SCUOLA DI PITTURA

La mostra rappresenta un po’ la naturale conseguenza di quanto maturato con la Scuola di Santa Rosa, fondata da Lauretta e Presicce tre anni fa e che li vede, ogni martedì, riunirsi insieme ad altri artisti per celebrare il rito del disegno. Un’esperienza, quella della Scuola di Santa Rosa, che ha fortemente influenzato la pittura dei due artisti, infervorandola di nuove ispirazioni, citazioni, sperimentazioni, e portandoli a osare, spingersi oltre le loro stesse convinzioni e convenzioni.

Francesco Lauretta
Francesco Lauretta

ALL’OMBRA DI PAUL CÉZANNE

Così svincolate, le opere di Lauretta e Presicce assumono un’energia e una vitalità quasi magiche, il cui fascino è percepibile ma non totalmente comprensibile. Un mistero la cui soluzione è nota solo agli artisti, e la cui magia è pari quasi a un’apparizione: “La pittura, lo sapeva bene Paul Cézanne, è un mezzo con il quale sezionare il mondo, indagarlo e riportarlo alla leggibilità”, scrive Presicce. “Una mela dipinta mille volte è sì sempre la stessa mela, ma anche l’intero creato che Cristo tiene in mano nel Salvator Mundi. Quella sfera racchiude tutto il visibile, per questo traspare, è una lente. Allo stesso modo la mela racchiude in sé il seme dell’albero e tutto il fenomenologico. Apparire alla mela di Cézanne, oltre che un omaggio a Carmelo Bene, è soprattutto il raggiungimento di uno stato di grazia, una maturazione”.

Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoFrancesco Lauretta / Luigi Presicce - Sono apparso alla mela di Cézanne
Vernissage07/08/2020 ore 18
Duratadal 07/08/2020 al 30/08/2020
AutoriLuigi Presicce, Francesco Lauretta
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoSAN SEBASTIANO CONTEMPORARY - CASA BRAMANTE
IndirizzoVia San Sebastiano 30, 96010 - Palazzolo Acreide - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.