Come Vincent e Paul. Katharina Janeckova e Jay Miriam a Roma

Due artiste coetanee portano a Roma la pittura contemporanea made in Usa. Sono entrambe spericolate espressioniste. Ma alla grazia selvaggia dell’una fa da contrappunto l’elaborata sintassi pittorica dell’altra.

Torna a Roma Katharina Janeckova (Bratislava, 1988; vive in Texas), stavolta non da sola. L’accompagna un’altra pittrice, Jay Miriam (New York, 1988; vive a New York), anche lei dedita a un espressionismo che attinge al quotidiano con spinta disinvoltura trasfigurante.
Janeckova non ha perso un grammo della sua grazia selvaggia. I nuovi lavori sono semmai migliori e più potenti, perché dotati di un’accresciuta asciuttezza compositiva. L’iconografia resta la stessa: orsi innamorati e ragazze disinibite condividono un’arcadia erotica e buffa, raccontata nei modi rutilanti tipici dei cartoon e dei vasi antichi.
Le visioni di Miriam sono altrettanto spericolate. Ma risultano, all’opposto, introverse e notturne, verrebbe da dire “tedesche”. La sintassi pittorica è elaborata, raffreddata, con esiti spesso bidimensionali che citano il modernismo. La sensazione è quella di una temporalità che tende a farsi immobile.
Verrebbe da dire che Janeckova sta a Miriam come van Gogh a Gauguin.

– Pericle Guaglianone

Evento correlato
Nome eventoKatarina Janeckova Walshe / Jay Miriam - Lovers After Life
Vernissage16/06/2020 no
Duratadal 16/06/2020 al 18/09/2020
AutoriKatarina Janeckova Walshe , Jay Miriam
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoRICHTER FINE ART
Indirizzovicolo del Curato, 3 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.