Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria: 46 colonne in rete metallica di 8 m sul lungomare della città

È la sua seconda grande opera pubblica permanente in Italia dopo la Basilica di Siponto in Puglia e sorge all’interno di un parco di 2500mq, sotto il lungomare: inaugurazione prevista a settembre.

Edoardo Tresoldi, Basilica, Siponto © Roberto Conte
Edoardo Tresoldi, Basilica, Siponto © Roberto Conte

È diventato famoso per le sue architetture trasparenti in rete metallica, capaci di riprodurre antichi capolavori andati persi, come ad esempio la basilica paleocristiana presso il sito archeologico di Santa Maria di Siponto in Puglia. Ora, EdoardoTresoldi, dopo le esperienze in Arabia Saudita, Emirati Arabi e Dubai, Coachella, Parigi e Arte Sella, torna alle origini e realizza una nuova installazione permanente in Italia.

Studio Studio Studio Gharfa Edoardo Tresoldi and Matteo Foschi installation Diriyah Oasis designed and curated by Designlab Experience © Roberto Conte
Studio Studio Studio Gharfa Edoardo Tresoldi and Matteo Foschi installation Diriyah Oasis designed and curated by Designlab Experience © Roberto Conte

EDOARDO TRESOLDI: OPERA

Si tratta di Opera, un intervento di arte pubblica sul lungomare Falcomatà di Reggio Calabria, promossa e commissionata dal Comune e dalla Città Metropolitana, ancora in fase di cantiere, con inaugurazione prevista a settembre. “Opera nasce per rimarcare il carattere del luogo attraverso il costruito, proponendone così un’ulteriore chiave di lettura”, racconta Tresoldi. “Ho cercato di creare un luogo della contemplazione e indagare il ruolo dell’arte pubblica oggi, che ritengo debba saper accogliere il presente”.

Edoardo Tresoldi, Basilica Siponto © Roberto Conte
Edoardo Tresoldi, Basilica Siponto © Roberto Conte

EDOARDO TRESOLDI: L’OPERA SUL LUNGOMARE

Quest’opera monumentale, costituita da un colonnato di 46 colonne classiche in rete metallica che raggiungono gli 8 metri di altezza, si inserisce, infatti, all’interno di uno dei più ampi spazi pubblici europei, sotto il lungomare Falcomatà, nel parco di 2500mq posto alla fine di via Giunchi, proprio nei pressi del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, dove sono custoditi i celebri Bronzi di Riace. “Tresoldi è uno dei creatori più stimati a livello internazionale”, conclude il sindaco della città, Giuseppe Falcomatà. “La sua opera costituisce per la nostra città una grande vetrina, rappresentando con la sua prospettiva moderna coniugata in senso classico un’ulteriore importante attrattiva, anche dal punto di vista turistico, integrandosi in un contesto di rara bellezza come il nostro Lungomare”. Ecco le immagini del progetto…

-Claudia Giraud

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).