TAG Re-Opening. A Torino riapertura coordinata di 3 giorni: ecco le mostre di 12 gallerie+2

La ripartenza delle gallerie associate TAG – Torino Art Galleries sarà un evento di tre giorni che vedrà la riapertura di 12 spazi dell’associazione (+ 2 esterne) quasi tutte con nuove mostre. Eccole nel dettaglio

Dopo tre mesi di lockdown, il sistema delle gallerie torinesi non intende arrendersi neanche un po’ bensì rilanciare. E lo fa attraverso un impegno espositivo importante e più complesso del solito. Si tratta dell’appuntamento RE-OPENING 2020, una tre giorni di aperture coordinate dal 16 al 18 giugno 2020, dalle ore 14 alle 20, degli spazi associati a TAG – Torino Art Galleries, associazione torinese che non si è mai fermata: negli ultimi mesi ha infatti collaborato con enti e istituzioni pubbliche e private cittadine alla nascita di Torino Photo Season, manifestazione cittadina dedicata alla fotografia della durata di un mese, ma la cui prima edizione è stata rinviata al prossimo anno. Restano a testimonianza di ciò la versione on line di The Phair, la fiera internazionale dedicata alla fotografia e, all’interno di Re-Opening, la serie di mostre delle gallerie associate a TAG dedicate alla fotografia. Sarà dunque una riapertura coordinata, ricca di tante nuove mostre, che vedrà la ripartenza di dodici tra le più influenti ed importanti gallerie d’arte contemporanea di Torino (la tredicesima associata, la galleria Giorgio Persano, a gennaio 2020 si è trasferita negli spazi di Palazzo Scaglia di Verrua in via Stampatori 4 e non annuncia nuove esposizioni). Vediamo nel dettaglio il programma di Re-opening, con l’aggiunta di due gallerie non associate, ma con delle mostre inaugurali in quegli stessi giorni: Davide Paludetto Arte Contemporanea e Dr. Fake Cabinet…

-Claudia Giraud

www.torinoartgalleries.it

1. GALLERIA ALBERTO PEOLA

Peola Eva Frapiccini senza titolo Campo Candoni, Roma (Container Sweet Container)

La Galleria Alberto Peola propone una group show con sei artisti: Fatma Bucak, Paola De Pietri, Eva Frapiccini, Gioberto Noro, Paul Graham, Simone Mussat Sartor, dal titolo Inside (fino al 19 settembre 2020). La mostra esplora luoghi chiusi, reali o immaginati, le sottili e delicate relazioni che si instaurano tra questi ambienti e la vita che li impregna. Spazi chiusi e affollati. Labirinti prospettici. Luoghi intimi dove il tempo sembra sospeso. Ambienti un tempo abitati.  Luoghi della vita quotidiana. Immagini di oggetti e ricordi che tentano di restituire un senso a un luogo perduto o indefinito.

Via della Rocca n. 29
www.albertopeola.com

2. FEBO&DAFNE

Intensive Care Unit Covid-19 Emergency – Turin, Italy

Febo&Dafne allestisce, nella sua nuova sede, la personale di Stefano Stranges dal titolo Quell’anno in cui …. LIFE: The times of the virus (fino al 20 giugno): è un’anteprima del progetto che offre una visione partecipata sulla pandemia vissuta nella città di Torino. “Il mestiere del reporter”, dice Stefano Stranges, “tende a portarmi lontano, ma questa volta la storia era sotto casa, una storia di nuove barriere comunicative, di luoghi che si trasformano e di spazi che si convertono, di assenze e di nuove presenze: una storia di resistenza”.

via Vanchiglia 17 interno cortile
www.feboedafne.org

 

3. GAGLIARDI E DOMKE

GAglardi Pin up au carrelet

Gagliardi e Domke riapre con la personale (fino al 25 luglio) della fotografa francese Aurore Valade dal titolo Respira! Dopo il COVID19 e incentrata su un suo lavoro del 2013 L’Or Gris, una visione sognante dedicata alla generazione che ora è la più colpita dalla pandemia, gli ultra settantenni. Una serie di 11 scatti fotografici da cui trapela una visione ottimistica e poetica di liberazione dalle costrizioni.

via Cervino 16
www.gagliardiedomke.com

4. GALLERIA FRANCO NOERO

Noero marepe

È finalmente visitabile presso la Galleria Franco Noero, nella sede di Via Mottalciata 10/B (ormai l’unica rimasta dopo la chiusura di quella in piazza Carignano), la prima personale in Italia dell’artista brasiliano Marepe dal titolo Entre o céu e o inverno (fino al 5 settembre). La mostra riguarda gli ultimi quindici anni della ricerca espressiva dell’artista e segue la grande retrospettiva del 2019 presso la Pinacoteca di San Paolo del Brasile, intitolata Estranhamente comum (Stranamente comune). Elemento fondante nelle opere di Marepe è l’appropriazione di oggetti d’uso quotidiano, disponibili in mercati o negozi, che vengono reinventati e assemblati in composizioni atte ad esprimere la forte rilevanza sociale ed economica che essi rappresentano per il territorio rurale Brasiliano e, in particolare, per la regione di Bahia da cui l’artista proviene.

Via Mottalciata 10/B
www.franconoero.com

5. IN ARCO

In Arco

In Arco propone Armonie Cromatiche: Nicholas Howey – Stefano Peroli (fino all’11 luglio). Proprio con Collins e Milazzo entrambe gli artisti hanno trovato il loro punto di congiunzione, sviluppando significative analogie e peculiarità nella ricerca astratta, di cui sono esponenti originali e inconfondibili, coniugando intuizioni e sensibilità affini e complementari. Nicholas Howey ha lavorato per Robert Whitman in opere performative nel suo spazio della Dia Foundation a New York City, ha poi continuato a lavorare per Robert Rauschenberg dirigendo il suo ufficio e lavorando anche con David White – curatore di Rauschenberg. Alla fine degli Anni Ottanta quando iniziò a lavorare con i curatori internazionali Collins e Milazzo. Ha iniziato a esibirsi ampiamente in Italia, New York e Bruxelles. Stefano Peroli, espone nella galleria In Arco dal 1988, è stato presentato anche nella galleria Cardi di Milano, Sergio Tossi a Firenze, Roberta Lietti a Como e a New York alla galleria Grand Salon, di Collins &Milazzo.

P.zza Vittorio Veneto n. 3
www.in-arco.com

6. NORMA MANGIONE

Norma mangione installazione collettiva

Norma Mangione presenta una mostra collettiva dal titolo Canti concatenati (fino al 31 luglio). La mostra trae ispirazione dal Renga, di cui il titolo è una delle possibili traduzioni. Il Renga è un componimento poetico a più voci che si è diffuso in Giappone dal XII secolo. La regola prevede che un primo autore componga la prima strofa. A questa risponde un secondo e così via fino anche a cento strofe, ognuno riferendosi esclusivamente ai versi del poeta prima di lui. Seguendo la suggestione della poesia Renga, è stato chiesto agli artisti della galleria in ordine alfabetico di scegliere, in maniera libera e aperta, una propria opera in relazione a quella scelta dall’artista che lo precede. La prima opera è stata quindi proposta da Francesco Barocco, a seguire Michael Bauer ne ha scelta una in reazione alla prima e così via fino a Salvo, ultimo nell’elenco, il cui dipinto è stato selezionato dall’Archivio. Il progetto di natura corale e performativa ha dato così vita a una mostra in cui ogni lavoro è collegato al precedente e prepara il terreno a quello successivo, così come canti concatenati.

via Matteo Pescatore n. 17
www.normamangione.com

7. LUCE GALLERY

Luce February

Luce Gallery prosegue ad esporre i lavori dell’artista americano February James in una prima personale italiana dal titolo I Painted Flowers For You (fino al 14 luglio).

Largo Montebello n. 40
www.lucegallery.com

8. PHOTO & CONTEMPORARY

Tazzetti NILS UDO 300 dpi SANCTUAIRE

Photo & Contemporary inaugura una nuova personale del maestro tedesco Nils-Udo. Art in Nature – Recent Works è il titolo di una mostra di lavori recenti con immagini di grandi installazioni site specific realizzate al Van Dusen Botanical Garden di Vancouver, in Francia e nei Vosgi per la Fondation François Schneider.  Recentemente l’autore ha realizzato inoltre grandi installazioni site-specific per la Fondation EDF (titolo Black Bamboo) a Parigi e per la Fondation CARMIGNAC nell’isola di Porquerolles (titolo La Couvée), con grandi uova di marmo, ciottoli ed elementi vegetali in una radura del parco della Fondazione. Nils-Udo è il noto rappresentante dell’art in nature, movimento internazionale che coniuga le intenzioni della land art ad una visione più lirica ed ecologistica. Scultore della natura, pittore e fotografo delle proprie installazioni effimere, Nils-Udo ha iniziato la sua attività nel 1972, con la nascita del movimento ecologista in Germania.

via dei Mille 36
www.photoandcontemporary.com

9. RAFFAELLA DE CHIRICO

De chirico Paolo Leonardo_tecnica mista su carta 2018

Raffaella De Chirico Arte Contemporanea inaugura la prima personale in galleria del torinese Paolo Leonardo dal titolo Comment ça va? (fino al 31 luglio). Questo è anche il titolo di un film scritto e diretto da Anne-Marie Miéville e Jean Luc Godard nel 1975 che sviluppava un discorso estetico e politico sulle immagini fotografiche, sul loro uso nella propaganda politica e nell’informazione in generale.  Costruita come un viaggio intellettivo, che stimola riflessioni sulla fotografia e sulla pittura, la mostra seguendo un’altra suggestione cinematografica: il mediometraggio di Aleksandr Sokurov, Elegia di un viaggio, cammino di un personaggio senza volto. I fruitori dotati di mascherine e la costrizione del pubblico contingentato permetterà di meglio esperire un allestimento costruito come un viaggio a tappe, negli spazi interni ed esterni delle gallerie, restituendo ad alcuni lavori la primaria natura di manifesto.  La mostra sarà anche on line.

Via Giolitti, 52 | Via della Rocca, 19
www.dechiricogalleriadarte.com

10. RICCARDO COSTANTINI

Costantini Mario Daniele port land

Riccardo Costantini Espone le opere inedite del progetto port_land dell’artista fotografo Mario Daniele. Questa serie prevede alcune installazioni di polittici fotografici in cui, principalmente, la figura umana si rapporta con close-up di elementi architettonici. In tutte le opere di port_land l’approccio dell’artista rimanda ai temi del modernismo. Ciò che emerge in questo nuovo lavoro di Mario Daniele è una indagine originale sulla bellezza e sull’estetica senza abbandonare alcuni dei temi principali delle sue opere precedenti come, per esempio, il rapporto che esiste fra l’uomo e l’ambiente che lo circonda. (fino al 19 settembre).

Via Giolitti 51
www.rccontemporary.com

11. TUCCI RUSSO

Tuci Russo Mario Airò. IN LETIZIA

Tucci Russo Chambres D’Art inaugura In Letizia la nuova personale di Mario Airo’ (fino al 3 ottobre). La mostra consta di una selezione di opere che partono dall’idea di letizia, non come soggetto dell’opera, bensì come elemento della pratica quotidiana. Quasi tutti i lavori eseguiti dall’artista a partire dal 2019 hanno richiesto nella realizzazione intima concentrazione e silenzio, una pratica molto vicina a quella del monaco in contemplazione di Dio o del monaco buddista in meditazione nel vuoto. Non conta tanto la fede, né tanto meno la dottrina: anche l’ateo più convinto può praticare la pienezza della sospensione temporale e raggiungere l’intima concentrazione necessaria per essere consapevoli, attivi, liberi, fluidi e anintenzionali nel tracciare un segno.

via Davide Bertolotti, 2
http://www.tuccirusso.com/index.php

12. WEBER & WEBER

Weber Visitazioni Rivisitazioni

Weber & Weber propone una mostra collettiva dal titolo Visitazioni / Rivisitazioni con lavori di Vasco AscoliniElisa Bertaglia,  Fausto Bertasa, Rodrigo Blanco,  Davide Di Taranto, Chiara Dynys, Bruno Fantelli,  Federico Guerri,  Horiki Katsutomi, Gillian Lawler,  Bruno Lucca,  Colm Mac, Athlaoich Marcovinicio,  Angelo Molinari,  Daniele Monarca, Aldo Mondino,  Gioacchino Pontrelli,  Sylvie Romieu, Stefan Sehler,  Chloe Swopshire,  e Antonio Violetta. Venti opere per altrettanti artisti, alcuni già esposti dalla Galleria negli ultimi 40 anni ed altri totalmente inediti. In mostra ci saranno opere pittoriche come quelle di Colm Mac Athlaoich, Gillian Lawler e Horiki Katsutomi, opere fotografiche come quelle di Vasco Ascolini e Sylvie Romieu e due sculture storiche come quelle di Aldo Mondino e Antonio Violetta.

Via San Tommaso n. 7 (primo piano)
www.galleriaweber.it

13. DAVIDE PALUDETTO ARTE CONTEMPORANEA

Galliano Pusole Migliore

Dal 16 al 18 giugno 2020, la galleria si fa in tre per ripartire. “Ripartiamo cum grano salis”, dichiara il gallerista Davide Paludetto, “dividendo/moltiplicando la riapertura in tre giorni consecutivi”, durante i quali si susseguiranno le inaugurazioni di tre mostre personali di Daniele Galliano, Bartolomeo Migliore e Pierluigi Pusole.

Via degli Artisti, 10
https://www.davidepaludetto.com/

14. DR FAKE CABINET

Gianni Pitzalis

Una dark room a cui si accede uno alla volta: pornografia, videogames e film kitsch sono i soggetti delle opere di Gianni Pitzalis. L’artista propone, in un allestimento che cala lo spettatore in un clima carico di estremo, soggetti forti e post-moderni realizzati con una tecnica antica e sorprendente.

Via San Francesco da Paola, 12
[email protected]

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).