L’arte spaziale di Karin Sander a Firenze

BASE / Progetti per l’Arte, Firenze ‒ fino al 21 marzo 2020. Una mostra site specific che coniuga alcune tecniche del linguaggio espressivo degli Anni Settanta con l’era digitale. Per innescare una riflessione sul ruolo dell’arte e sulla sua capacità di leggere e interpretare la realtà.

In epoca digitale, dove Google Maps traccia per noi gli itinerari creando anche un immaginario della realtà topografica non sempre esatto, Karin Sander (Bensberg, 1957) oppone la capacità dell’arte di “interferire” con il sistema, mettendone in discussione i dati che troppo spesso vengono acriticamente accettati come attendibili (come accaduto in Skulptur Projekte), oppure, come nella mostra di BASE, utilizzando quegli strumenti per creare una mappa dell’identità del luogo: le coordinate geografiche come pittura murale, il puntatore come installazione luminosa al neon, la traccia del polpastrello sullo schermo come un intervento pittorico dal sapore analitico. Reminiscenze di Arte Povera incontrano la moderna tecnologia, il passato e il presente dialogano e si ridefiniscono vicendevolmente, e per loro tramite emerge l’identità di una società sempre più tecnologizzata, ma che sta ancora cercando un rapporto non problematico con questo nuovo aspetto della modernità.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoKarin Sander - 43°45'51.8"N 11°15'46.8"E
Vernissage08/02/2020 ore 18
Duratadal 08/02/2020 al 21/03/2020
AutoreKarin Sander
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoBASE - PROGETTI PER L'ARTE
IndirizzoVia Di San Niccolò 18R - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.