Campagne fondi a favore della sanità: alcune iniziative del mondo dell’arte

Aste online su Instagram, opere regalate in cambio di donazioni verso le strutture ospedaliere: se vogliamo fare un’opera di beneficenza, perché non prenderci in cambio un’opera d’arte?

In una situazione straordinaria paragonabile solo ai tempi di guerra, anche il mondo dell’arte si sta mobilitando per fornire il proprio sostegno economico a un sistema sanitario che a più riprese ha minacciato il collasso. Gallerie, artisti, musei e case d’asta: ognuno tenta di contribuire come può al contenimento dell’emergenza. E fioccano così nuovi format e progetti originali: chi avvia un’asta online direttamente sul proprio canale Instagram, chi regala un proprio disegno in cambio di una donazione destinata alla sanità da una certa cifra in su, chi sta raccogliendo fondi grazie al programma radio come sta facendo GAMeC, istituzione al centro della città bergamasca, tra le più colpite. In questi tempi di epidemia, quindi, non potevamo che iniziare una nuova guida in aggiornamento: quella alle iniziative benefiche da parte del mondo dell’arte.

-Giulia Ronchi

 

1. L’ASTA ONLINE DI GRAZIANO LOCATELLI

Birth, Abandonmemt, Death, Birth_ 2019, ceramic,alluminium, wood, cement, musk 60 x 90

Anche Graziano Locatelli sceglie il canale Instagram per avviare un’asta online di beneficenza, valida fino alle 22 di venerdì 27 marzo. L’artista, noto per le opere tridimensionali che raffigurano pareti di piastrelle in frantumi, mette all’incanto l’opera Birth, Abandonment, Death, Birth del 2019, un’installazione 60×90 cm realizzata con piastrelle, alluminio, legno, cemento e muschio. L’opera, che ha una quotazione di €3700, viene fatta partire da una base d’asta di €1850. Come al solito, si aggiudica l’opera chi scrive la cifra più alta nei commenti oppure con un messaggio in direct se si vuol mantenere l’anonimato. L’opera verrà fatta recapitare per posta al termine dell’emergenza, mentre la cifra pattuita dovrà essere inviata dall’acquirente direttamente all’iban dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. “Sono originario della zona e sono direttamente informato di quanto la sanità locale abbia urgente bisogno di aiuto. Anche piccoli contributi in questo momento sono importanti”, comunica l’artista, pubblicando l’iban dell’ospedale e invitando a donare anche chi non è interessato a partecipare all’asta. “È il momento di rompere i muri e imparare dalle piante a fare rete”.

www.instagram.com/grazianolocatelli

 

2. L’ASTA ONLINE DI BLINDARTE

Blindarte Milano

Mentre alcuni artisti organizzano aste in autonomia, la casa d’aste Blidarte, con sede Napoli-Milano, richiama all’attenzione tutti i suoi utenti chiedendo di donare un’opera. Si tratta del progetto ART TO STOP COVID-19 #fermiamoloinsieme!, ideato da Edoardo Osculati e dal direttore della casa d’aste Memmo Grilli, che spiegano: “in questo momento di emergenza Il tuo aiuto è importante per sconfiggere il Coronavirus. Il mondo dell’arte, assieme a artisti, collezionisti e gallerie, può contribuire con la donazione di opere partecipando all’asta di beneficenza online per sostenere lo sforzo del personale sanitario della Lombardia e quello dell’Istituto Pascale di Napoli in prima linea contro l’emergenza del Coronavirus in Campania”. Per partecipare, sarà necessario inviare un’email a [email protected] con immagini e descrizione (autore, titolo, data, tecnica, dimensioni, eventuali note espositive e/o bibliografiche) dell’opera di un artista di mercato, già presente nei circuiti delle aste. Blidarte fisserà il prezzo di vendita in accordo con il donatore. In caso di vendita online dell’opera, la casa d’asta farà da tramite per lo scambio tra donatore e acquirente. Pubblicati anche gli Iban a cui sarà devoluto il ricavo: Regione Lombardia, con la causale SOSTEGNO EMERGENZA CORONAVIRUS (IBAN: IT76 P030 6909 7901 0000 0300 089); e l’ Istituto Pascale di Napoli con bonifico diretto sul conto intestato all’ IRCCS PASCALE – Emergenza Covid-19 (IBAN: IT86 I 03069 03568 10000 03000 08).

www.blindarte.com

 

3. RIZZUTOGALLERY DI PALERMO

Francesco De Grandi. Come Creatura. Manifesta 12 collateral events. Rizzutogallery, Palermo

Si chiama RizzutoGallery SOS Covid 19 l’iniziativa proposta dalla galleria palermitana indirizzata a favore di cinque strutture ospedaliere del Nord, Centro e Sud Italia, impegnate nella lotta al coronavirus. Come funziona? A chiunque farà una donazione a uno degli ospedali scelti, inviando la ricevuta del versamento effettuato, RizzutoGallery regalerà un’opera al 50% del suo prezzo. Possono partecipare all’iniziativa anche aziende e Partite Iva. Gli artisti coinvolti sono: Giuseppe Adamo, Davide Bramante, Anna Capolupo, Antonio Catelani, Stefano Cumia, Francesco De Grandi, Richard Deacon, Fulvio Di Piazza, Elena El Asmar, Vincenzo Ferlita, Daniele Franzella, Claudio Gobbi, Katharina Maderthaner, Luca Pancrazzi, Francesca Polizzi, Lucio Pozzi, Luigi Presicce, Cosimo Rizzuto, Shobha, Rainer Splitt e Massimo Stenta. Sul sito è possibile scoprire le opere disponibili e anche quelle che sono già state regalate ai donatori.

https://www.rizzutogallery.com/

 

4. ANTONIO COLOMBO ARTE CONTEMPORANEA

Andrea Fiorino e Dario Maglionico. Everyday is like Sunday. Exhibition view at Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano 2018

La stessa operazione viene fatta da Antonio Colombo Arte Contemporanea di Milano, che invita tutti i suoi utenti ad acquistare un’opera, della quale il ricavato sarà devoluto interamente alla Protezione Civile italiana. Tra i lavori proposti dalla galleria ci sono cataloghi, disegni, cere, stampe e illustrazioni, per un range che si aggira tra i 50 e gli 800 euro. Alcuni dei nomi proposti sono: Laboratorio Saccardi, Hurricane, El Gato Chimney, Anthony Ausgang, Andrea Salvino, Mario Shifano, Mike Giant, Erika Nordkvist, Daniel Johnston, Zio Ziegler, Olimpia Zagnoli, Tim Biskup, Fulvia Mendini, Giuliano Guatta e Pierluigi Calignano.

https://colomboarte.bigcartel.com/

5. L’APPELLO DI CRUCIANI PER LE MARCHE

Angelo Cruciani e Shi Yang

La Regione Marche, soprattutto a nord, in questo momento è tra le zone più colpite dal Coronavirus. Il sistema sanitario è messo a dura prova e la necessità di ampliamento riguarda al momento 100 posti letto in terapia intensiva da realizzare in 10 giorni. Per questa causa il fashion designer di origini marchigiane Angelo Cruciani, fondatore di YEAZEL ha lanciato assieme al marito Shi Yang una raccolta fondi che trovate al link https://www.gofundme.com/f/rafforzare-ospedali-marche-nord?utm_source=customer&utm_medium=copy_link-tip&utm_campaign=p_cp%20share-sheet&fbclid=IwAR2GypKXss2RkxTM6tMWw2Fsu_uXsXJzcz9ODcBcdjgsVOMmLKsy2JjZFXY 

6. “L’ABBRACCIO PIU FORTE” DI VALERIO BERRUTI

L’abbraccio più forte, Valerio Berruti

Qualche giorno fa ho appreso che l’ospedale di Verduno, opera attesa da molti anni, sarebbe diventato il Covid Hospital di riferimento del Piemonte. Lo stesso giorno avevo aderito ad un’iniziativa promossa da Andrea Mastrovito, artista impegnato nella raccolta fondi per l’ospedale di Bergamo. Mi è sembrato un segno del destino e ho capito che dovevo inventare qualcosa anche io per sostenere la terra che tanto amo e che come la Lombardia necessita di un aiuto da parte di tutti”. A parlare è Simone Berruti, artista visceralmente legato alla sua terra d’origine, le Langhe, ma anche alla città in cui è nato e in cui vive, Alba, e per al piccolo borgo di Verduno dove nel 1998 ha acquistato una chiesa sconsacrata che è diventata il suo atelier. Così ha deciso di promuovere una raccolta fondi che vedrà premiare con un disegno ogni donatore: per partecipare è necessario versare unimporto superiore a 300 euro alla Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra Onlus per il nuovo Covid Hospital di Verduno: in cambio si riceverà un disegno dal titolo L’abbraccio più forte (di dimensioni 36x21cm, realizzato con pastelli a olio e smalto su cartoncino) creato appositamente per l’occasione. Tutti i disegni, inoltre, verranno racchiusi in un libro al termine dell’iniziativa, uno speciale flipbook che riproduce l’animazione, che conterrà il nome di ogni donatore e avrà la prefazione poetica di Piero Negri Scaglione, autore e giornalista, conterraneo di Berruti. I termini della donazione sono:
BANCA D’ALBA IBAN: IT 84C0853022506000520109210
CAUSALE: Valerio Berruti a sostegno emergenza Coronavirus

www.fondazioneospedalealbabra.it
www.valerioberruti.com

7. 1700 MASCHERINE PER LA COMUNITA DI OLIVETO LUCANO

Oliveto Lucano via basilicatanet

In tempi di emergenza sanitaria, la solidarietà finisce per fare il giro del mondo. Così è successo per la piccola comunità di Oliveto Lucano, in Basilicata, che ha ricevuto la notizia dell’arrivo di circa 1700 mascherine sanitarie utili a contenere il contagio da Coronavirus. Il donatore è Anton Vidokle, artista e editor della piattaforma eflux, operativo tra New York e Berlino, che ad agosto scorso ha svolto una residenza artistica nel piccolo comune lucano per il progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 Gardentopia, dedicato alla cultura del verde e cittadinanza attiva. Frutto della sua residenza è stato il film Autotrophia, realizzato con la partecipazione dei cittadini di Oliveto Lucano, un documentario sulla festiva del matrimonio degli alberi che si tiene annualmente in Basilicata, ma anche una fiction, che racconta la storia di tre alberi antropomorfi. “La dimostrata vicinanza è ad oggi ancor più commovente visto il distanziamento sociale che viviamo. Questa storia mi ha personalmente insegnato, una volta in più, il valore di uno scambio e di una contaminazione culturale“, ha dichiarato Fabio Cipriano Romano, segretario della Protezione Civile di Oliveto Lucano. “Chi avrebbe mai pensato che un paese di 400 anime circa, immerso nell’entroterra materano, sarebbe stato attenzionato da qualcuno dall’altra parte del globo? Chi avrebbe mai pensato che un perfetto sconosciuto sarebbe potuto rimanere così legato a noi?”. Il gesto di questo artista internazionale è stato colto con calore e commozione anche da Rossella Tarantino, manager sviluppo e relazioni della Fondazione Matera Basilicata 2019, che ha voluto sottolineare, “il gesto di Anton Vidokle ci ricorda che la cultura è prima di tutto ‘prendersi cura’ di qualcuno o di qualcosa, idea che è poi alla base del progetto di Matera 2019 Gardentopia. La presentazione del documentario realizzato da Vidokle in programma tra le nostre attività, una volta superata l’emergenza sanitaria, sarà l’occasione per un nuovo abbraccio collettivo tra la comunità di Oliveto Lucano e l’artista che nel piccolo ma accogliente comune lucano ha lasciato un parte del suo cuore”.

8. LE OPERE DI 12 ARTISTI A FAVORE DELL’OSPEDALE SPALLANZANI

Caterina Silva

 

pArt si mette in prima linea assieme a 12 artisti per sostenere il lavoro di medici, infermieri e di tutto il personale sanitario in questo momento in prima linea nella lotta contro il Covi-19. Per questo, sul sito www.thisispart.com è possibile donare un contributo in cambio di un’opera (molte scontate o alla metà del prezzo grazie alla generosità dei propri autori). Ogni mecenate potrà quindi finanziare direttamente la ricerca all’Ospedale Spallanzani con la quota che sceglierà e ricevere in cambio un’opera d’arte. La raccolta è 100% no profit, pArt non aggiunge alcuna commissione per l’attività svolta e l’intero ricavato andrà a sostegno dell’emergenza. Gli artisti coinvolti sono José Angelino, Alessandro Cicoria, Ala D’Amico, Giovanni De Angelis, Gabriele De Santis, Stanislao Di Giugno, Emiliano Maggi, Lulù Nuti, Gianni Politi, Corrado Sassi, Gabriele Silli e Caterina Silva.

www.thisispart.com

9. UNITI CON L’ARTE – I DISEGNI DI ERNESTO MORALES PER GLI OSPEDALI TORINESI

Clouds XVIII oil on canvas cm100x150 2018 Collezione privata

Anche l’artista argentino Ernesto Morales, residente in Italia dal 2006, si unisce alla campagna di raccolta fondi, regalando un’opera su carta da lui realizzata a chiunque effettuerà una donazione a partire dai 200 euro volta a favore della Città della Salute e della Scienza di Torino per aiutare i presidi ospedalieri Molinette, Sant’Anna, CTO e Ospedale Infantile Regina Margherita, impegnati a fronteggiare l’attuale stato di emergenza. “Per mantenere vivo il contatto con l’Arte sto dedicando questi lunghi giorni di isolamento alla pittura e alla poesia“, scrive l’artista, “e ho deciso di impegnarmi in prima persona attraverso la realizzazione di una serie di opere che saranno donate a chi parteciperà alla raccolta fondi ‘Uniti con l’Arte’ da me creata per aiutare gli ospedali di Torino, la città dove vivo da tanti anni, nell’affrontare l’emergenza Covid-19″. I fondi saranno raccolti da Wealth Trust S.r.l. che presterà i suoi servizi a titolo totalmente gratuito a garanzia della trasparenza della campagna. Per donare, basta andare sul link https://www.gofundme.com/f/uniti-con-l039arte. Si invierà poi la ricevuta della donazione all’indirizzo [email protected] con oggetto: “Emergenza Covid-19, Uniti con l’Arte”. Alla fine dell’emergenza il donatore si coordinerà con l’artista per il ritiro dell’opera, che avverrà presso il suo studio o per posta con spese al carico del primo.

www.ernestomorales.it
www.wealthtrust.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.