Bando per artisti under 35 in Biennale Architettura. In palio mostra nel Padiglione Venezia

Seconda edizione di Artefici del nostro tempo bandito dal Comune, in collaborazione con Fondazione Musei Civici di Venezia, dedicato ai giovani artisti emergenti. In palio un posto alla prossima Biennale Architettura

Padiglione Venezia
Padiglione Venezia

Grazie a un bando, giovani artisti avranno un posto di rilievo alla 17. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, appena presentata nel corso di un’eccezionale conferenza stampa in streaming, causa COVID 19. Dopo l’esperimento dell’anno scorso, torna infatti Artefici del Nostro Tempo, concorso ideato dal Comune di Venezia in collaborazione con Fondazione Musei Civici di Venezia e rivolto ai giovani artisti emergenti under 35 anni, cui verrà chiesto di rispondere, con le loro opere, all’interrogativo How will we live together? (Come vivremo insieme?), tema centrale della prossima Biennale Architettura 2020 che si svolgerà dal 23 maggio al 29 novembre 2020.

IL BANDO SECONDO IL SINDACO

Quello che ci ha portato ad avviare la seconda edizione del concorso ‘Artefici del nostro tempo’ sono, senza ombra di dubbio, quei 2.262 giovani che lo scorso anno hanno deciso di partecipare con le loro opere”, dichiara il sindaco Luigi Brugnaro. Un successo che ha permesso a sei di loro di esporre proprio all’interno del Padiglione Venezia dimostrando che la Città crede nel talento dei giovani e che mette a disposizione la sua migliore vetrina”. Dopo l’arte contemporanea, anche la più prestigiosa vetrina mondiale sull’architettura contemporanea riserverà, dunque, uno spazio speciale all’interno del Padiglione Venezia ai sette vincitori di Artefici del nostro tempo, e le loro opere saranno allestite anche a Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna. Il concorso quest’anno è diviso in sette sezioni – poesia visiva, video clip musicali, street art, pittura, fotografia con l’aggiunta del design del vetro e dell’illustrazione abbinata al già presente fumetto – e prevede la selezione di 10 opere di giovani artisti – di età compresa tra i 18 e i 35 anni che sono o nati o residenti o che studiano o lavorano in Italia -, realizzate da singoli artisti o collettivi di artisti per ciascuna delle sette discipline.

I PREMI

Una seconda edizione che si apre a due nuove categorie  che per l’appunto sono l’illustrazione e il design del vetro: quest’ultima a sua volta suddivisa in due sezioni, una delle quali prevede la realizzazione di un’opera originale in vetro per la quale ci si avvarrà della collaborazione di un maestro vetraio proposto dal Consorzio Promovetro Murano”, aggiunge Brugnaro che conclude: “Venezia guarda ai giovani e si mette al loro fianco per aiutarli a diffondere le tendenze artistiche contemporanee. Ed è con questo spirito che invito tutti voi, ragazzi e ragazze, a partecipare e ad approfittare di un’opportunità che questa Città vi mette a disposizione”. Oltre all’occasione espositiva il concorso offre ai vincitori un premio in denaro: il primo classificato per ciascuna categoria riceverà un premio pari 3mila euro; il secondo classificato pari a 2mila euro e il terzo classificato pari a 1000 euro. Potrà essere attribuito un premio speciale in denaro a tre artisti che, pur non risultando vincitori nella propria disciplina, si sono comunque distinti e sono stati particolarmente apprezzati dalla giuria. C’è tempo fino al 15 marzo 2020 per partecipare.

-Claudia Giraud

https://www.comune.venezia.it/sites/comune.venezia.it/files/cultura/documenti/schede-cultura/BANDO%20ARTEFICI%20DEFINITIVO.pdf

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).