Estetica e impegno sociale nelle opere di Pietro Ruffo. In mostra a Roma

Galleria Lorcan O’Neill, Roma – fino al 17 aprile 2020. La galleria romana ospita “Maremoto”, la quarta personale di Pietro Ruffo. Una mostra che acuisce lo sguardo su tematiche urgenti del nostro presente, come la sostenibilità ambientale, la migrazione e la continua ricerca di giustizia.

Pietro Ruffo (Roma, 1978) tocca le corde del presente con la delicatezza del tratto e con estetica sopraffina. “Questa mostra per me è rivoluzionaria perché prima mettevo una distanza – anche nei passati lavori sulle migrazioni ‒ grazie a personaggi dell’Ottocento, in questo caso invece ci sono persone vere, che ho conosciuto e disegnato. Per la prima volta da parte mia c’è la volontà di essere diretto, di raccontare una storia in grande formato che arrivi a tutti, come uno storyboard di un film dall’andamento orizzontale”, ci racconta l’artista.
L’acqua viene evocata nei monumentali azulejos, immergendo in un’atmosfera liquida il corpo centrale della galleria, insieme ad anime in cerca di pace, cumuli di bottiglie di plastica e  ragazzi dei Fridays for Future. Dietro il dispiegarsi di questa problematica società, costellazioni silenti – ispirate agli affreschi del XVI secolo di Palazzo Farnese a Caprarola e ai globi celesti del XVII secolo del cosmografo Vincenzo Coronelli ‒ guardano e guidano i destini terrestri. “Come se l’umanità non si fidasse più di una carta geografica, diventata quasi inaffidabile a causa dei repentini cambiamenti politici, ci si affida alla volta celeste. Una carta antichissima, che arriva dai greci, legata al mito e al racconto che, spesso, è più forte di un supporto scientifico”, conclude Ruffo.

Valentina Muzi

Evento correlato
Nome eventoPietro Ruffo
Vernissage19/02/2020 ore 18,30
Duratadal 19/02/2020 al 19/03/2020
AutorePietro Ruffo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA LORCAN O'NEILL - CATINARI
IndirizzoVicolo dei Catinari 3 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.