Le stoffe orientali di Isabella Ducrot sbarcano a Roma

T293 Gallery, Roma – fino al 18 marzo 2020. Composizioni di stoffe orientali e disegni in carta cinese, bidimensionalità insistita e seduzioni evocative. Le opere di Isabella Ducrot svelano un accesso orientale alla società dell’immaginario e traslano lo spazio indifferenziato della galleria in un pieno di desideri rivelati, esperienze possibili e percezioni incrociate.

Isabella Ducrot (Napoli, 1931) colleziona e studia stoffe dal fascino esotico. Le riutilizza spezzando i percorsi che portano alla pluralità dei luoghi e delle culture per produrre, nei motivi ripetuti e nelle forme sedimentate dell’orientalismo tessile, nuove autonome creazioni. Il tutto è disposto in una struttura ordinata che va a incorniciare abiti a parete e a srotolare un lungo Turbante (2014) indiano, incartonato e lavorato a frottage.
La sensazione alla vista è quella di presenze invisibili ma indubbie, indossatrici evocate dalle forme eleganti degli abiti, tessitori sapienti dell’elaborazione fantasiosa. La stoffa è allora tramite di collegamento con un mondo esterno, la sua trasformazione in abito è incorporazione dell’alterità. Come in un racconto fiabesco, carico di processi di trasformazione e variazioni di status, il cambiamento avvolge tessuto e spazio circostante. Nella dimensione piatta e orizzontale della stoffa c’è metamorfosi e viaggio verso un luogo inesplorato e sociale.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoIsabella Ducrot - Opere a ripa
Vernissage05/02/2020 ore 19
Duratadal 05/02/2020 al 18/03/2020
AutoreIsabella Ducrot
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoT293
Indirizzovia Ripense 6 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.