Astrazione e introspezione. Michel Frère a Firenze

Galleria Gentili, Firenze ‒ fino al 30 novembre 2019. Fautore di un percorso pittorico complesso e purtroppo interrottosi per la prematura scomparsa, il pittore belga merita un’approfondita riscoperta della sua opera. Nel metodo e nel concetto.

Pittore intimista, oscuro, impegnativo, a tratti inquietante ma altrettanto affascinante, Michel Frère (Bruxelles, 1961 ‒ Morlanwelz, 1999) è stato interprete di un personalissimo neospressionismo pittorico fortemente materico, per tramite del quale prendono forma ineffabili paesaggi dal sapore fiabesco e psicologico insieme: strati e strati di colore a olio danno vita a dantesche “selve oscure” o spume marine dalle ardite prospettive d’ispirazione giapponese.
Accanto alla produzione pittorica, questa piccola ma elegante retrospettiva propone una scelta di sculture in gesso, cui la patina in cromo dona un respiro a prima vista “futuribile”, “alieno”, puramente astratto, ma, osservando con attenzione, si scorgono richiami al plasticismo classico, al Laocoonte, a Ercole, persino ai Prigioni di Michelangelo.
Un’astrazione colta e raffinata, costantemente legata alla dimensione fisica e psicologica dell’umanità, e metafora della sua aspirazione a librarsi leggera nei territori dello spirito.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoMichel Frère
Vernissage27/09/2019 ore 18,30
Duratadal 27/09/2019 al 30/11/2019
AutoreMichel Frère
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA GENTILI
IndirizzoBorgo Pinti 80/R - 82/R - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.