Il blu come materiale. Simone Geraci a Torino

Burning Giraffe, Torino – fino al 9 novembre 2019. Mitologia e colore si mescolano nelle opere pittoriche di Simone Geraci, in mostra nella galleria torinese.

La galleria torinese Burning Giraffe è contraddistinta da una scelta estetica monolitica – una linea stilistica che caratterizza con armonia ogni artista con cui collabora. In occasione della riapertura autunnale, la mostra del giovane pittore Simone Geraci (Palermo, 1985) rinnova il felice sodalizio con la galleria, in continuità con il gusto definito che uniforma l’atmosfera dello spazio espositivo. La persistenza non manca di originalità a ogni suo fendente: create apposta per l’occasione, Geraci espone diciassette opere inedite dedicate all’antico mito greco delle Oreadi, le aggraziate ninfe delle montagne devote alla dea Diana – la più nota è Eco, abitante del monte Elicona, innamoratasi di Narciso. La peculiarità più affascinante delle opere non è, però, il soggetto; bensì il materiale con cui sono state realizzate: pittura a olio, monocromatica, su ardesia.
Il blu brillante di Geraci contraddice l’opacità severa e la superficie brusca dell’ardesia, con una opposizione che rievoca la leggiadria misteriosa delle ninfe e il loro grigio habitat – ma è anche il contrasto che l’artista ha potuto osservare nella tradizione palermitana di ex-voto su ardesia. Il colore acquisisce il volume e il carattere enigmatico della roccia sedimentaria, diventando esso stesso materiale. Una mostra classica quanto ammaliante, che soddisfa gli occhi.

Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoSimone Geraci - Oreadi
Vernissage19/09/2019 ore 18,30
Duratadal 19/09/2019 al 09/11/2019
AutoreSimone Geraci
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoBU.G - BURNING GIRAFFE ART GALLERY
IndirizzoVia Eusebio Bava 8/A, 10124 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.