L’ecosistema delle incognite. Francesco Pacelli a Milano

Rehearsal Project, Milano – fino al 10 novembre 2019. Il project space meneghino ospita la personale site specific di Francesco Pacelli. Fra il vapore ovattante e luci al neon, le sculture del giovane artista danno vita a un vero e proprio ecosistema in cui l’ambiguità delle forme regna sovrana.

Fishy fishy fishy X è il titolo della mostra di Francesco Pacelli (Perugia, 1988), che riprende la sentenza di uno sketch del film Monty Python in cui grotteschi personaggi riflettono sul senso della vita e si interrogano su dove si sia nascosto un pesce, “The most elusive fish”.
La sensazione dello spettatore è quella di inseguire le coordinate di un ambiente senza mai afferrarle. X è infatti l’incognita che genera un folle ecosistema dalla natura ambigua e mutevole, che sfugge a un’interpretazione chiara e univoca. Fondo marino, corpo umano, lascito archeologico, asteroide o scenario post-apocalittico, il paesaggio che Pacelli ha costruito trasforma e attiva gli spazi gelidi di Rehearsal Project.
È un habitat in bilico tra la riconoscibilità e l’oblio, dove è difficile stabilire sia la forma che il peso dei materiali scultorei. I pannelli alle finestre rimarcano la distanza con il mondo reale, mentre muschi, frammenti in resina e altri elementi installativi invadono angoli e componenti strutturali dello spazio. La scultura principale è appesa tramite l’ausilio di alcuni cavi che spariscono, inghiottiti, nel muro, come se “il mostro di pietra” fosse nato e cresciuto in sala.

Arianna Cavigioli

Evento correlato
Nome eventoFrancesco Pacelli - Fishy fishy fishy X
Vernissage04/10/2019 ore 18,30
Duratadal 04/10/2019 al 10/11/2019
AutoreFrancesco Pacelli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoREHEARSAL
IndirizzoVia G.B. Passerini, 18 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Cavigioli
Arianna Cavigioli (Milano, 1995) è un’artista laureata in Pittura e Arti Visive presso NABA, con una tesi che analizza i casi-studio inerenti alla museologia e propone un modello di exhibition display che tenta di sfuggire alla logica museale del white cube. Le sue opere sono state esposte presso La Fabbrica del Vapore, Fondazione Pini e Current. Attualmente studia presso NABA e collabora con Forme Uniche.