Rinascimento incongruo. Sara Enrico e Andrea Respino a Torino

Quartz Studio, Torino – fino al 23 ottobre. L’incertezza è alla base delle opere pittoriche e scultoree di Andrea Respino e Sara Enrico.

La mostra Mai un vestito dunque, adeguato – progetto site specific di Sara Enrico (Biella, 1979) e Andrea Respino (Mondovì, 1976) per lo spazio di Quartz Studio – non è solamente un’esposizione che sintetizza l’incontro quotidiano di una coppia di artisti, legati per intelletto, ricerca stilistica e sentimento; non è nemmeno una semplicistica associazione di opere che rispecchia la più ampia fusione della coppia. Ciò che si può notare, anche non conoscendo il vissuto dei due artisti, è il privilegio concesso al dono dell’incertezza: Respino impone all’uomo improbabili o parziali vestizioni, in quelli che la curatrice Francesca Referza ha definito “dipinti psicologici dal forte carattere introspettivo”; Sara Enrico ribalta di segno la materia scultorea e le superfici rare grazie ai processi delle nobili composizioni coloristiche della pittura religiosa di stampo popolare – il rosso è infatti sapientemente accostato al prezioso “verde Veronese”.
L’insieme procede nel tripudio della misura: nelle anatomie perfette, nella gestualità plastica e votiva, nella tensione cromatica e nel dinamismo del materiale si avverte un’apprensione degna della teatralità rinascimentale. Un Rinascimento incongruo, una curva deformante gli oggetti, che tende sempre a una retorica muta e ad ambientazioni in “luoghi non giurisdizionali” (così li chiamava Giorgio Caproni). Un’interessante prova tecnica riempita di tensione empatica, senza mai scadere nell’imitazione.

Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoSara Enrico / Andrea Respino - Mai un vestito dunque, adeguato
Vernissage16/09/2019 ore 19
Duratadal 16/09/2019 al 23/10/2019
AutoriSara Enrico, Andrea Respino
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoQUARTZ STUDIO
Indirizzovia Giulia di Barolo 18/D 10124 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.