Il cielo con un dito. Una storia di famiglia, nelle Marche

Casa Sponge, Pergola ‒ fino al 13 settembre 2019. Come in certe sindromi genetiche, che si trasmettono in via matrilineare saltando una generazione, il soffio creativo è andato a posarsi dalla nonna alla nipote, e la piccola doppia personale in corso nella home gallery marchigiana è la celebrazione del loro rapporto.

Definita dalla contiguità familiare, dalla stima elettiva, dalla scelta di lasciare la nativa Germania per vivere entrambe in Maremma, la relazione tra Anneliese Müller Nisi, splendida novantenne della provincia di Stoccarda, che ha visto il secolo breve e ha studiato pittura con Kokoschka e scultura con Manzù, e la nipote trentenne Aischa Gianna Müller, fotografa e videomaker, si annoda attorno alla riflessione sulla terra. Il titolo sfiora il cielo senza toccarlo: preso da una preghiera, il celebre verso allontana la divinità e ne conferma l’alterità rispetto all’umano.
Il cielo di Aischa è arricchito da ingenue nuvole posticce, come ingenui sono i “tentativi di alterare la giornata” testimoniati da un video che mostra tutti i trucchi di un illusionismo che va oltre lo stupore per diventare pensiero. Annaliese parla invece della terra, portando nel giardino sculture assemblate con objets trouvé arrugginiti e corrosi, vanghe e vomeri emersi tra le zolle dei campi toscani, e all’interno pitture di matrice informale da diversi momenti della sua carriera. Completa l’esposizione un lavoro a due mani, in permanenza, nel quale nonna e nipote hanno trovato un linguaggio comune per fondere generazioni e messaggi.

Valeria Carnevali

Evento correlato
Nome eventoAnneliese Müller Nisi / Aischa Gianna Müller - Che sei nei cieli
Vernissage09/06/2019 ore 12
Duratadal 09/06/2019 al 01/09/2019
AutoriAnneliese Müller Nisi, Aischa Gianna Müller
CuratoreStefano Verri
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoCASA SPONGE
IndirizzoVia Mezzanotte 84 - Pergola - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Sempre attratta dalle forme della cultura contemporanea come espressione delle dinamiche umane, in una prima vita ho vissuto e lavorato a Milano per inseguire da vicino l’evolversi del presente, collaborando con gallerie, spazi espositivi ed editori specializzati in arte e attualità. Dal 2007 ho stabilito una nuova dimensione nella natura montana del centro Italia, occupandomi di didattica, educazione e formazione delle generazioni più giovani e viaggiando il più possibile. Conduco una vita raminga tra l’Appennino umbro-marchigiano e l’Oceano Atlantico, trovata nella città di Lisbona una seconda casa dal 2017. Sono convinta che l’educazione estetica, all’arte e attraverso l’arte, sia una chiave fondamentale di sviluppo del pensiero critico e della coesistenza democratica. Scrivo per Artribune dal 2012.