Mirabilia Urbis: una mostra di arte contemporanea dislocata lungo le antiche vie di Roma

Come un “pellegrino contemporaneo” il visitatore potrà immergersi in una serie di luoghi storici, reinterpretati attraverso installazioni e performance degli artisti del presente

Mirabilia Urbis. Libreria Farhenheit 451 Matteo Nasini
Mirabilia Urbis. Libreria Farhenheit 451 Matteo Nasini

Il Cinema Farnese, la libreria Fahrenheit 451, Palazzo Falconieri (sede dell’Accademia), lo storico esercizio Hollywood, la bottega del liutaio, la sede di Colli Independent Art Gallery: sono solo alcune delle tappe che dal 7 al 13 ottobre faranno parte del circuito di Mirabilia Urbis. La mostra, organizzata con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Beni Culturali, si snoderà negli stessi luoghi segnati secoli fa nelle guide turistiche ante-litteram dei pellegrini che nel Medioevo transitavano per Roma diretti a San Pietro in Vaticano. Con una particolarità: ciascuna delle sedi ospiterà il lavoro di un artista contemporaneo (tra i partecipanti Alterazioni Video, Tomaso Binga, Rä di Martino, Flavio Favelli, Jonathan Monk, Matteo Nasini, Giuseppe Pietroniro, Alice Schivardi, Lamberto Teotino e altri), capace di offrire una lettura nuova della geografia culturale e storica dell’area. Il progetto, curato da Giuliana Benassi, ideato da Carlo Caloro e prodotto da artQ13, si distribuirà tra i Rioni Parione e Regola, attraverso il dedalo di vie e vicoli che caratterizza, in quest’area, il centro storico della Capitale. Oltre a video, installazione ambientale, fotografia, pittura e scultura, sarà possibile assistere e partecipare ad alcune performance, che avranno luogo lunedì 7 settembre, in occasione dell’inaugurazione della mostra; per la stessa sera, sarà organizzato un tour completo della mostra con guida partendo presso Piazza Campo de’ Fiori (prenotazione obbligatoria all’indirizzo [email protected]).

    Giulia Ronchi

Dal 7 al 13 ottobre 2019//Roma
Mirbilia Urbis
A cura di Giuliana Benassi
340 9613486
www.artq13.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.