Hunting Evil. Maria Grazia Carriero a Bari

Spazio Microba, Bari ‒ fino al 29 giugno 2019. La personale di Maria Grazia Carriero tra scultura e fotografia: il “male” come potenza tellurica che proviene dalle superstizioni. Una riflessione complessa tra antropologia culturale e arte contemporanea.

L’idea del negativo, che nelle tradizioni popolari e nella società contadina del sud è qualcosa di profondamente perturbante, sempre esistente e quindi per questo allontanato e risolto attraverso operazioni e cerimonie magico-simboliche, come già spiegato da Annabella Rossi in La festa dei poveri (Laterza, 1969), oggi è inscenata da Maria Grazia Carriero (Gioia del Colle, 1980) attraverso la potenza sciamanica del capro. È l’animale che nella propria simbologia archetipica allude a una dimensione sotterranea; oscurità da un lato, ma soprattutto candore diafano nelle maschere antropomorfe che la Carriero realizza con l’uso delle corna degli animali totemici, generando piatti emblematici che si tramutano in amuleti di grandi dimensioni. “È una galleria di candide figurazioni”, come sottolinea il curatore Nicola Zito, in cui l’arte è ora riflessione antropologica. L’oggetto artistico assume valenze animistiche allontanando, come la tradizione osserva da sempre, il male e l’ostile, le forze disordinanti della natura che destabilizzano l’uomo nel ciclo di vita-morte-rinascita, risolte attraverso l’ascendenza magica della donna.

Fabio Petrelli 

Dati correlati
AutoreMaria Grazia Carriero
Spazio espositivoMICROBA
IndirizzoVia Giambattista Bonazzi, 46 - Bari - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Petrelli
Nato nel 1984 ad Acquaviva delle Fonti, è uno storico dell’arte. Laureato nel 2006 presso l’Accademia di Belle Arti di Roma con una tesi in storia dell’arte (Storie notturne di donne. La rappresentazione perturbante della donna dal XV secolo ad oggi), nel 2013 si laurea in Storia dell’arte presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata con una tesi in Arti visive del XXI secolo (Imago Mortis. La rappresentazione della morte nell’arte contemporanea). Ha collaborato per diversi musei e gallerie; autore di molteplici saggi a carattere demo-etno-antropologico e storico-artistico, in ambito critico attinge agli studi sull’universo simbolico dei rituali religiosi e di come tali forme culturali si riverberano nell’universo archetipico della storia dell’arte dall’antichità al contemporaneo.