Fantasmi in centro città. A Roma

Francesca Antonini Arte Contemporanea, Roma ‒ fino al 4 maggio 2019. Sette artisti contemporanei scrivono una “storia” di fantasmi negli spazi della galleria romana.

Una galleria che organizzi una mostra a tema per far incontrare artisti di sua rappresentanza con altri d’interesse va segnalata di per sé per l’ambizione e generosità dell’operazione: quando, poi, il tema sia tanto topico quanto quello del fantasma, la menzione vale anche per il coraggio. Da Francesca Antonini, storica galleria (già nota come Il Segno) al centro di uno dei vari mini-distretti espositivi in cui una città risolutamente disgregata come Roma cerca di concentrare energie artistiche, va dunque in scena Phantasma, collettiva di sette artisti chiamati a confrontarsi in un visionario gioco binario di presenza e assenza, presente e passato.
Wilfrid Almendra, Monica Carocci, Guglielmo Castelli, Nick Devereux, Myriam Laplante, Gioacchino Pontrelli e Alessandro Scarabello praticano mezzi espressivi diversi che vanno dalla pittura alla fotografia, dall’installazione e all’assemblaggio. Difficile, com’era prevedibile, reggere in maniera costante l’equilibrio di un incontro tanto fragile e complesso, ma l’esito vale comunque la visita. Menzione speciale per Monica Carocci (Roma, 1966; vive a Torino), che con le sue fotografie evanescenti ottiene l’esito per niente scontato di popolare di fantasmi plausibili e suggestivi una mostra dedicata proprio a loro.

Luca Arnaudo

Evento correlato
Nome eventoPhantasma
Vernissage21/02/2019 ore 18
Duratadal 21/02/2019 al 04/05/2019
AutoriGuglielmo Castelli, Monica Carocci, Nick Devereux
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoFRANCESCA ANTONINI ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Capo Le Case 4 00187 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luca Arnaudo
Luca Arnaudo è nato a Cuneo nel 1974, vive a Roma. Ha curato mostre presso istituzioni pubbliche e gallerie private, in Italia e all'estero; da critico d'arte è molto fedele ad Artribune, da scrittore frequenta forme risolutamente poco commerciali, come raccolte di racconti, poesie, prosimetri, ma più di recente si diverte soprattutto con storie illustrate per bambini. In una vita perpendicolare è anche giurista e docente universitario, esperto di cose che qui non interessano.