Studio TiEpolo38 a Roma. La galleria che diventa lounge bar e viceversa

Un lounge bar diventa un ambiente intimo di confronto riservato ai visitatori della galleria. È l’idea di Studio TiEpolo38, un luogo di scambio culturale e di accoglienza.

and inside, la lounge dello Studio TiEpolo38
and inside, la lounge dello Studio TiEpolo38

And inside è un lounge club dalle pareti scure, in forte contrapposizione con le sale che lo precedono, tipicamente da white cube dello Studio TiEpolo38 a Roma. Si differenzia fortemente dal classico “bar del museo”, un luogo che sorge nella maggior parte delle istituzioni, senza avere nulla a che fare con le loro attività. La lounge dello Studio TiEpolo38, invece, è uno spazio totalmente integrato con quello espositivo della galleria, a cui si accede solo dopo aver visitato la mostra. Inaugurato il 23 ottobre 2017, questo spazio è a tutti gli effetti un club (Associazione Culturale Studio Tiepolo 38), a cui è possibile tesserarsi al costo di 5 euro. Un modo di accogliere i visitatori e rendere piacevole ogni momento della loro permanenza, da quelli di stretto contatto con le opere a quelli puramente conviviali.

Studio TiEpolo38, lo spazio espositivo
Studio TiEpolo38, lo spazio espositivo

AND INSIDE: IL LOUNGE BAR DELLO STUDIO TIEPOLO38

Questo salotto molto riservato e “chic” così come il bellissimo bancone bar, vengono da molto lontano nella storia della mia vita. Lo considero un’eredità familiare della gioia, del buonumore, dell’amicizia e della condivisione. Per questo ho voluto inaugurare esattamente il 23 ottobre, compleanno di mio padre, nato, cresciuto e vissuto molto intensamente, anche se purtroppo non a lungo, nelle strade di questo quartiere”, così parla Elena Tarantini, gallerista dello Studio Tiepolo38 e ideatrice dello spazio and inside, spiegando la genesi di questo spazio da lei progettato e strettamente legato alla sua storia personale. “Ho progettato questo spazio nei minimi dettagli, come un abito cucito addosso ed il risultato è per me sorprendente. Un luogo magico, dedicato all’arte contemporanea, arricchito dalla passione e dal piacere di ricevere, che condivido con i miei fantastici compagni di brigata. Ci piace sorprendere i nostri “ospiti”, con la cura dei minimi dettagli e dell’ottima qualità”. Una proposta che unisce l’eleganza all’accessibilità e anzi, al valore dell’accoglienza e dell’inclusione: con questo “escamotage” si cerca di mutare nel profondo l’esperienza di visita, cercando di trasformare le impersonali e frettolose incursioni di galleria in un rilassato momento di convivialità e scambio su ciò che si è appena visto. Il lounge and inside, inoltre, propone occasionalmente degli interessanti appuntamenti, come concerti jazz, letture di poesie e djset.

LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO TIEPOLO38

A seguito di una lunga pausa, nell’ottobre del 2017 Studio TiEpolo38 ha riaperto le sue porte con questo nuovo rinnovato progetto legato a un obiettivo, quello di diventare un ritrovo per artisti, intellettuali ma non solo, polo di confronto e condivisione di nuove idee, atto a promuovere l’arte contemporanea della capitale. Uno dei suoi punti di forza è quello di inserirsi e integrarsi in un quartiere riqualificato della Capitale, che ha recentemente assunto una nuova propulsione culturale grazie al Museo dedicato all’arte del XXI secolo, progettato dall’architetto Zaha Hadid, e l’auditorium di Renzo Piano, che sorgono non lontano dalla sua sede. Il suo spazio espositivo, suddiviso in tre sale, è caratterizzato da una neutralità strutturale che lo rende adatto ad ospitare e allestire qualsiasi tipo di opera d’arte, dalla pittura alla video art, dalla scultura alla performance. Dopo aver curato le personali di Isabella Nurigiani Stefano Iraci, Marina Buening, Pietro Mari, Marina Bindella, Maria Korporal e Francesca Galliani (e ad altri), dal 29 marzo al 18 maggio sarà il turno di Susana Serpas Soriano (El Salvador, 1976), con la mostra dal titolo Terra e sangue. L’orizzonte primitivo.

-Giulia Ronchi

 

Studio TiEpolo38 and inside
Via Giovanni Battista Tiepolo, 38, 00196 Roma RM
+39 335 831 0878
www.studiotiepolo38.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.

LEAVE A REPLY