La pittura-oggetto di Phillip Allen. A Milano

Galleria Luca Tommasi, Milano ‒ fino al 30 marzo 2019. Philipp Allen spariglia le “regole” della pittura nella sua mostra personale presso la galleria milanese.

Una sola parola, Deepdrippings, da pronunciare tutta d’un fiato. È questo il titolo della prima personale in Italia di Phillip Allen, in corso alla galleria Luca Tommasi, a Milano.
L’artista inglese, classe 1967, dissolve se stesso nella pittura a olio esasperandola fino a indagare i limiti della bidimensionalità. Sembra mischiarne le carte: tela e cornice, figura e sfondo, margini e centro si dissolvono in un all over parossistico di grumi ed escrescenze, artifici ed “espressionismi”. L’opera si stratifica nella sua materialità solidificandosi e sprigionando odore di colore appena steso, rappreso e saturo.
Il gioco intellettuale e visuale è sofisticato: le opere di Allen evocano l’azione del pittore mentre l’impasto cromatico sembra autogenerare veri e propri screen saver. Una lezione fondamentale per l’artista è, non a caso, quella del concetto di “spazio acustico” definito da Marshall McLuhan, teorico della comunicazione contemporanea. La pittura di Philipp Allen agisce su tutti i nostri sensi attraverso il “rumore ambientale” di segni che deflagrano al limite dell’oggettualità.

Giusi Affronti

Evento correlato
Nome eventoPhillip Allen - Deepdrippings
Vernissage13/02/2019 ore 18,30
Duratadal 13/02/2019 al 30/03/2019
AutorePhillip Allen
CuratoreStefano Castelli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoLUCA TOMMASI
IndirizzoVia Cola Montano, 40 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.

LEAVE A REPLY