Nello studio di Laboratorio Saccardi. A Palermo

Spaziocentotre, Palermo ‒ fino al 16 marzo 2019. Continua presso la neonata galleria palermitana la serie di mostre curata da Christian Caliandro che riflette su autori, linguaggi e scenari dell’arte italiana di oggi. Protagonista dell’ultima esposizione è il Laboratorio Saccardi, che all’interno di Spaziocentotre ripropone il proprio studio.

È una grande e vivace installazione ambientale Destudio, la mostra del Laboratorio Saccardi allo Spaziocentotre di Palermo curata da Christian Caliandro. Il duo composto da Marco Leone Barone (Palermo, 1978) e Vincenzo Profeta (Palermo, 1977) ripropone presso la neonata galleria palermitana il proprio studio, protagonista di un vero trasloco e qui in fase di transizione: un luogo di ricerca e di lavoro aperto al pubblico, in cui riflettere sull’arte e la pratica della pittura. Una caleidoscopica quadreria di citazioni, un classico della produzione “saccardiana”, ricorda, rivisita e ironizza sui mostri sacri della storia dell’arte – Morandi, de Chirico, Fontana, Manzoni, Modigliani, Pollock, Monet, Trombadori, Schifano, Boetti –, mentre sono realizzate in ceramica, e prodotte da Spaziocentotre, le nuove opere del duo, ispirate alla tradizione siciliana delle “Teste di Moro” e qui reinterpretate in chiave trap. In mostra anche Profilo continuo del Presidente, scultura liberamente ispirata all’opera di Renato Bertelli che nel 2017 è stata acquisita dal Mart di Rovereto.

Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoLaboratorio Saccardi - Destudio
Vernissage18/02/2019 ore 18,30
Duratadal 18/02/2019 al 16/03/2019
Autore Laboratorio Saccardi
CuratoreChristian Caliandro
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSPAZIOCENTOTRE
IndirizzoVia Principe di Belmonte 103 90139 - Palermo - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.

LEAVE A REPLY