Prendersi cura. Elisabetta Di Sopra a Bari

Muratcentoventidue, Bari – fino al 24 aprile 2019. Elisabetta Di Sopra sceglie il video per tratteggiare un’identità femminile dedita alla cura dell’altro. Offrendo intense microstorie mute.

Da un punto di vista femminile, il prendersi cura contempla pratiche di accudimento che si estendono ad ampio raggio dalla vita alla morte. Elisabetta Di Sopra (Pordenone, 1969), videoartista veneta, riflette a riguardo con un taglio di genere, partendo dalla propensione materna alla cura. Vocazione enfatizzata da una stessa figura femminile che assiste un neonato e un anziano in una doppia proiezione, in cui le due polari stagioni della vita racchiudono dinamiche emotive e gesti, ancestrali e quotidiani, e dove la fragilità di corpi inabili trova nell’altro un sostegno e una custodia. Tema ripreso anche nel video Quando ci sarà qualcuno in grado di sorreggermi, in cui i ruoli si ribaltano e una madre inerme, colpita da apparente atarassia, viene sostenuta e rianimata dai suoi figli. Partecipano coralmente per riportala alla vita sollevandola, vestendola e, infine, posizionandola al centro della scena per una conclusiva e risarcitoria foto di famiglia.

Marilena Di Tursi

Evento correlato
Nome eventoElisabetta Di Sopra - The Care
Vernissage16/03/2019 ore 19
Duratadal 16/03/2019 al 24/04/2019
AutoreElisabetta di Sopra
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMURATCENTOVENTIDUE ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Gioacchino Murat 122b - Bari - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.