Memorie del terremoto. Stefano Cerio e Giuseppe Stampone a Milano

THEPOOLNYC, Milano ‒ fino al 23 marzo 2019. Gli scatti di Stefano Cerio e i disegni di Giuseppe Stampone mantengono vivo il ricordo del terremoto dell’Aquila. A dieci anni di distanza.

Sono passati dieci anni dal terremoto che ha colpito l’Abruzzo e l’Aquila. Dieci anni densi di dolore ma anche di polemiche, di promesse quasi mai mantenute, di ricostruzioni vere o presunte. La galleria THEPOOLNYC di Milano dedica una doppia mostra all’anniversario con i lavori di Stefano Cerio (1962) e Giuseppe Stampone (Cluses, 1974).
Il primo ha trasportato dei giganteschi gonfiabili in alcune zone colpite dal terremoto: da Campo Imperatore a Pescasseroli. Oggetti colorati, castelli, edifici che si gonfiano, ma che dopo poco si sgonfiano, come appare nel video che introduce la mostra e nelle grandi fotografie.
Abituati alle sue fotografie dei parchi giochi, qui la surrealtà non è più data dal luogo ma dalla situazione stessa. Una surrealtà che richiama la tragica situazione in cui versano da dieci anni persone e strutture di quei luoghi, in cui la natura e la storia sono entrambe protagoniste.
Di Stampone sono esposti i disegni che evocano la memoria personale dell’artista abruzzese e il rito della Via Crucis, ricostruita attraverso i vari movimenti compiuti dalla croce durante la commemorazione del trasporto doloroso. I disegni sono esposti in una zona che anticamente era la cappella votiva del palazzo nobiliare in cui la galleria è ubicata.
Due lavori intelligenti, quelli di Cerio e Stampone, in cui la retorica della celebrazione è bandita per fare posto all’intelligenza del progetto e della riflessione.

Angela Madesani

Evento correlato
Nome eventoStefano Cerio - Aquila
Vernissage24/01/2019
Duratadal 24/01/2019 al 23/03/2019
AutoriGiuseppe Stampone, Stefano Cerio
Generifotografia, personale
Spazio espositivoTHE POOL NYC
IndirizzoPalazzo Fagnani, Via Santa Maria Fulcorina, 20 20123 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.