In attesa del day after. Nicola Toffolini a Bologna

Squadro, Bologna ‒ fino al 2 marzo 2019. I disegni e le serigrafie di Nicola Toffolini riflettono sull’oggi e su un futuro che tendiamo a scongiurare.

Sembra un attimo l’Antropocene, l’era geologica caratterizzata dalla presenza dell’Homo Sapiens, se confrontata con i tempi geologici nel loro complesso. Un soffio di vento, quello che si percepisce nell’installazione ospite della galleria stamperia Squadro a Bologna, luogo magico e incantato per chi ama la carta e gli inchiostri.
Nicola Toffolini (Udine, 1975), già protagonista di una personale, indaga, nella sua naturale forma ossessiva, fatta di segni ripetuti da una matita maniacale, la possibilità di un “day after” a cui tutti pensiamo in qualche momento di distrazione, ma che poi scompare nel qui ed ora della presenza materiale del mondo immanente.
Noi e i nostri animali domestici siamo il 90% degli animali di grossa taglia e, se scomparissimo domani, le nostre tracce sarebbero a lungo visibili. Nelle opere di Toffolini, originali e serigrafie a numero limitato, la sparizione è già avvenuta, il vento soffia ancora.

Electra Stamboulis

Evento correlato
Nome eventoNicola Toffolini - Whoom!
Vernissage26/01/2019 ore 19
Duratadal 26/01/2019 al 02/03/2019
AutoreNicola Toffolini
Generipersonale, disegno e grafica
Spazio espositivoSTAMPERIA E GALLERIA D'ARTE SQUADRO
IndirizzoVia Nazario Sauro 27 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Elettra Stamboulis
Scrittrice e curatrice indipendente. Laureata in Lettere all'Università di Roma “La Sapienza”, ha perfezionato i propri studi sulla museografia all'Istituto Albe Steiner di Ravenna. Ha conseguito un Master di secondo livello all'Università di Roma Tre. Collabora con numerose testate (Linus, Internazionale, Pagina 99, Le Monde Diplomatique, Efimerida twn Syntaktwn ecc.) in Italia e all'estero. Ha diretto Komikazen Festival internazionale del fumetto di realtà, dalla sua nascita all'ultima edizione del 2016, e ha curato numerose mostre di arte contemporanea e fumetto, abbinandole a un'intensa attività di conferenze. Ha scritto le sceneggiature di varie graphic novel, tra cui “Arrivederci, Berlinguer”, “Diario segreto di Pasolini”, “Officina del macello”, disegnate da Gianluca Costantini. “Piccola Gerusalemme”, disegnata da Angelo Mennillo, è uscito in edizione greca, turca e francese. Ha curato le attività del GAI – Giovani Artisti per il Comune di Ravenna dal 1997 al 2016, ha inoltre progettato Mediterranea XVI promossa dalla BJCEM ad Ancona, “Arrivi e partenze” del 2012 nel medesimo capoluogo marchigiano e numerose mostre collettive e personali per enti pubblici e gallerie private. È evidentemente di origini greche.