Un posto chiamato casa. Otto artisti a Verona

Studio la Città, Verona ‒ fino al 16 febbraio 2019. La collettiva veronese analizza il concetto di casa, innescando un dialogo tra il piano tangibile e quello metaforico. E assegnando a uno spazio intimo e privato una valenza universale.

No place like home. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2018. Photo Michele Alberto Sereni
No place like home. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2018. Photo Michele Alberto Sereni

Rifugio e luogo al quale tornare per antonomasia, la casa è il fil rouge che unisce le opere esposte nell’ambito della collettiva allestita presso la galleria Studio la Città di Verona, con la curatela di Marco Meneguzzo. Muovendosi sul limite fra spazio interno ed esterno, tra profondità e superficie, gli artisti che animano la mostra individuano nella casa un organismo pulsante, capace di rivelarsi all’occhio attraverso le tecniche più disparate ‒ dalla pittura all’installazione al video.

GLI ARTISTI

La “pelle” della casa, involucro poroso che protegge i suoi abitanti, diventa colore, carta e lino nei lavori pittorici di Brian Alfred, un mix di prospettive in cui la dialettica dentro/fuori si stempera nella geometria di una finestra o nelle cromie di un arcobaleno. Il formato resta simile, ma il punto di vista cambia, negli scatti di Vincenzo Castella, vedute interne di una casa a Pescara, tratteggiata nei suoi profili domestici e familiari, comuni a tutte le abitazioni, eppure caratteristici di una soltanto. La medesima sensazione riecheggia negli interventi di Alberto Garutti realizzati agli esordi degli Anni Novanta: pitture su carta da parati e tavola punteggiate da buchi, la cui disposizione complessiva evoca quella dei mobili nella casa d’infanzia dell’artista. Mappe familiari a chiunque, ma disegnate su uno spazio diverso da qualsiasi altro.
L’idea di delimitazione innerva anche l’opera di Daniel González: la sua Casa del Tiempo trasforma gli oggetti quotidiani in punti di confine, lungo perimetri variabili ma netti. Oggetti altrettanto familiari sono tradotti da Anna Galtarossa in conglomerati dal sapore quasi immaginifico: una sedia sdraio, dei giornali, delle canne di bambù e un carrello compongono un nuovo oggetto dalla valenza sorprendentemente domestica, al pari della Borsetta della nonna dalla quale fanno capolino fiori di stoffa, bigodini e paillette. L’attenzione alla superficie accomuna, invece, le opere di Tracey Snelling, Hema Upadhyay e Igor Eškinja. Se Snelling ricrea un grattacielo con legno, vernici e luci, invitando lo sguardo a scrutare cosa avviene oltre i vetri delle finestre ‒ fra piccoli video e volti retroilluminati ‒, Upadhyay capovolge nel vuoto una distesa di case che richiamano le baraccopoli di Mumbai, mentre Eškinja gioca con le logiche della percezione, aprendo una porta metaforica nel muro di una dimora solo in apparenza tridimensionale, appiattita fra le strisce di cartone incollate al muro.

Giorgio Vigna. Acque Astrali. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2018. Photo Michele Alberto Sereni
Giorgio Vigna. Acque Astrali. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2018. Photo Michele Alberto Sereni

GIORGIO VIGNA

Merita un cenno anche la personale di Giorgio Vigna (Verona, 1955) in mostra nella penultima stanza della galleria fino al 19 gennaio. Acque Astrali instaura un racconto visivo che combina elementi naturali ‒ acqua, fuoco, sabbia ‒ e gesto creativo, dando vita a spirali di inchiostro in espansione e a bolle di vetro accatastate sul pavimento. Agglomerati di bellezza sottile, in grado di rapire l’occhio e restituire una sensazione tattile, negata poi, nel suo attuarsi, dalla fragilità stessa dei materiali. Piccole incursioni nella materia, in linea con l’afflato di universale intimità che pervade la collettiva allestita nelle sale precedenti.

Arianna Testino

Evento correlato
Nome eventoNo place like home
Vernissage01/12/2018 ore 11.30
Duratadal 01/12/2018 al 16/02/2019
AutoriHans Schabus, Anna Galtarossa, Alberto Garutti , Igor Eskinja, Vincenzo Castella, Hema Upadhyay, Daniel González, Tracey Snelling, Brian Alfred
CuratoreMarco Meneguzzo
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoSTUDIO LA CITTA'
IndirizzoLungadige Galtarossa 21 - Verona - Veneto
Evento correlato
Nome eventoGiorgio Vigna - Acque Astrali
Vernissage01/12/2018 ore 11.30
Duratadal 01/12/2018 al 19/01/2019
AutoreGiorgio Vigna
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSTUDIO LA CITTA'
IndirizzoLungadige Galtarossa 21 - Verona - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.