Conflitti e approssimazione. Šejla Kamerić a Milano

Fondazione Pini, Milano ‒ fino all’8 marzo 2019. Nella sfarzosa palazzina di corso Garibaldi 2, tra muri affrescati, parquet d’epoca e soffitti a cassettoni, l’immaginario idillico di Šejla Kamerić denuncia con cinismo lo scenario attuale dei conflitti e il carattere approssimativo della stampa.

Cresciuta nella Sarajevo assediata, la pratica artistica di Šejla Kamerić (Sarajevo, 1976) è intrisa di memoria personale e collettiva, che non si trasforma mai in vittimismo ma squarcia il velo di omertà che è stato costruito dalla stampa internazionale attorno a determinate guerre. Per tutte le sale opulente della fondazione si sviluppa una serie fotografica site specific che si focalizza sulla raffigurazione dell’ultima guerra balcanica da parte di alcune riviste, le quali, attraverso un’estetica quasi romantica, distolgono l’attenzione dall’evento specifico.
Sunset è una flemmatica e incessante animazione dell’unica immagine che documenta il ghetto di Varsavia in fiamme nella rivolta del 1943. L’installazione video conduce lo spettatore in uno stato quasi ipnotico con lo scopo di fissare il momento storico nella mente di chi l’osserva. Infine quattro sfere in pietra, su cui sono incise le coordinate geografiche di fosse comuni ancora presenti in Paesi come Messico e Bosnia-Erzegovina, si sdoppiano in uno specchio murale ottocentesco che riflette anche le sagome dei visitatori.

Arianna Cavigioli

Evento correlato
Nome eventoŠejla Kamerić - Summerisnotover
Vernissage26/11/2018 ore 18.30 su invito
Duratadal 26/11/2018 al 08/03/2019
AutoreŠejla Kamerić
CuratoreErzen Shkololli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE ADOLFO PINI
IndirizzoCorso Garibaldi 2 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Cavigioli
Arianna Cavigioli (Milano, 1995) è un’artista laureata in Pittura e Arti Visive presso NABA, con una tesi che analizza i casi-studio inerenti alla museologia e propone un modello di exhibition display che tenta di sfuggire alla logica museale del white cube. Le sue opere sono state esposte presso La Fabbrica del Vapore, Fondazione Pini e Current. Attualmente studia presso NABA e collabora con Forme Uniche.