I 113 anni della mitica Amarena. A Bologna il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Le immagini

Sesta edizione della rassegna d’arte promossa dall’ultracentenaria azienda dolciaria bolognese. Dopo scultura e pittura, il Premio Fabbri si apre per la prima volta alla fotografia con una selezione a cura di Nino Migliori

Gianni Pezzani, Aequilibrium
Gianni Pezzani, Aequilibrium

Natale, tempo di dolci e golosità. All’approssimarsi delle festività non poteva mancare una mostra legata al marchio che, nel campo del food, incarna quel valore aggiunto che unisce generazioni. Il vaso in ceramica dell’Amarena Fabbri, con i suoi inconfondibili decori blu e bianchi, è infatti da 113 anni il prodotto-simbolo della gastronomia made in Italy. Ma è anche un Premio per l’arte che, giunto alla sua sesta edizione, ha deciso di cambiare e di puntare sulla fotografia. “È la prima volta che il Premio Fabbri, assegnato con cadenza triennale, sceglie in modo specifico la fotografia. Scultura e pittura avevano fatto da padrone in tutte le precedenti edizioni”, ha dichiarato Nicola Fabbri, Amministratore Delegato della Fabbri. “Una scelta che trova ragione nella sempre maggiore internazionalità del nostro marchio, oggi presente in più di 100 nazioni nei 5 continenti. Il linguaggio della fotografia appare oggi più ‘universale’ di quello, pur assoluto, dell’arte. Già in questa edizione vantiamo autori di provenienza o respiro internazionale per cogliere le visioni originali, diverse, sicuramente stimolanti che vogliamo far emergere dalle sensibilità di ciascun territorio”. Così diciannove scatti di altrettanti fotografi internazionali – selezionati da Nino Migliori (Bologna, 1926), padre fondatore della fotografia italiana del Novecento e, in gioventù, tra i vincitori della prima edizione del Premio Fabbri – interpretano la celebre Amarena in una grande mostra allestita a Palazzo Pepoli Campogrande. Ecco le immagini.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoPremio Fabbri 2018 - 13 anni e un secolo. Fotografia
Vernissage05/12/2018 su invito
Duratadal 05/12/2018 al 17/02/2019
CuratoreNino Migliori
Generefotografia
Spazio espositivoPALAZZO PEPOLI CAMPOGRANDE
IndirizzoVia Castiglione, 7 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).