Amarezza dell’oggi e nostalgia dell’utopia. Vlad Nancă e Luca Resta a Firenze

Galleria Il Ponte, Firenze ‒ fino al 9 novembre 2018. Un omaggio concettuale all’architettura radicale fiorentina, che racconta il cambiamento nella fruizione dello spazio pubblico. Un allestimento minimalista costruisce un percorso disilluso e velatamente nostalgico.

Due storie s’incontrano e dialogano nelle opere di Vlad Nancă (Bucarest, 1979) e Luca Resta (Seriate, 1982); a unirle la riflessione comune sul rapporto fra individuo e spazio pubblico, che negli Anni Settanta fu la quinta ideale per esperienze artistiche nel segno del cambiamento, luogo di comunicazione e manifestazione del pensiero, o anche, semplicemente, luogo di incontro. Oggi, il consumismo e i social network hanno radicalmente cambiato il rapporto con lo spazio: si va in giro per comprare (lo racconta Nanca nella sua performance I love shopping), si guarda il mondo da schermi digitali, che Resta rappresenta come enormi rettangoli neri. Sullo sfondo, quelle silhouette antropomorfe che marcano individui sempre più insignificanti in luoghi divenuti improvvisamente troppo grandi, e la ripetitività ossessiva di gesti quotidiani che contrasta dolorosamente con quella fantasia radicale che stimolava a danzare in mezzo alla strada.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoIt Happens 01 - Vlad Nancă / Luca Resta
Vernissage21/09/2018 ore 18,30
Duratadal 21/09/2018 al 09/11/2018
AutoriLuca Resta, Vlad Nancă
CuratorePaola Tognon
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoGALLERIA IL PONTE
IndirizzoVia Di Mezzo 42/B - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.