Rolf Nowotny versus Pietro Canonica. A Roma

Museo Pietro Canonica, Roma ‒ fino al 28 ottobre 2018. La casa-museo di Pietro Canonica ospita la prima personale presso un’istituzione italiana dell’artista danese Rolf Nowotny. Polverizzazione dell’identità e fragilità dei materiali sono gli strumenti per forzare un ambiente saturo di volti, nomi, monumentalità.

Il ciclo espositivo Fortezzuola porta all’interno di Villa Borghese artisti internazionali poco noti in Italia e li chiude in casa con il fantasma di Pietro Canonica. Presenza ingombrante quella dello scultore piemontese, che in questo luogo visse e morì e continua ad ammantare di lavori ogni spazio disponibile. Rolf Nowotny (Copenaghen, 1975) gli si accosta con mezzi eterogenei, simulando il moto marmoreo dei mille inquilini del secolo scorso in un presente ermetico. C’è azione nell’immobilità. Un treno avanza sul davanzale, figure in miniatura irrompono in camera da letto, il perimetro in legno di un letto invade la sala al piano terra.
La ribellione moderata verso la forma è una dissonanza puntellata da richiami figurativi, la somma di oggetti si fa soggetto. Resina, plastica e residui naturali mostrano volti fragili al cospetto del piglio regale e della bellezza austera delle opere del padrone di casa, scultore monumentale e ritrattista d’aristocratici in voga. La possibilità indeterminata dei personaggi in negativo di Nowotny racconta, invece, una storia senza scrittura e narra imprese dimenticate. Un casco da motociclista combusto nasconde connotati vegetali, foglie morte e rami secchi, visi anonimi da autopsia, trasognata libertà per il nulla.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoRolf Nowotny
Vernissage21/09/2018 ore 14
Duratadal 21/09/2018 al 28/10/2018
AutoreRolf Nowotny
CuratorePier Paolo Pancotto
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEO PIETRO CANONICA
IndirizzoViale Pietro Canonica 2 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.