David Hockney progetta con l’iPad una vetrata per l’Abbazia di Westminster a Londra

A David Hockney è stata commissionata una vetrata all’interno della Cattedrale di Westminster a Londra. L’artista ha realizzato il progetto con l’ipad. Le immagini

David Hockney, Los Angeles, marzo 2016 © David Hockney. Photo Jean-Pierre Gonçalves de Lima
David Hockney, Los Angeles, marzo 2016 © David Hockney. Photo Jean-Pierre Gonçalves de Lima

Non è la prima volta che in questo periodo vi parliamo dell’artista britannico David Hockney che sta per battere tutti i record da Christie’s con la vendita del suo quadro Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) realizzato nel 1972 e stimato 80 milioni di dollari (circa 68,4 milioni di euro). Ma non solo per questo ha occupato le pagine di tutti i giornali internazionali: lo scorso 26 settembre è stata presentata la sua vetrata progettata per l’Abbazia di Westminster a Londra in onore alla Regina. Le prima immagini.

LA VETRATA DEDICATA ALLA REGINA

L’Abbazia di Westminster avrà una nuova vetrata commissionata all’artista David Hockney per celebrare il regno di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. Si trova nel transetto nord ed è andata a sostituire una vecchia finestra che formalmente è conosciuta come The Queen’s Window.
Il progetto è semplice, realizzato con un ipad, e raffigura una scena bucolica, di campagna, ambientata nell’Yorkshire, località tanto amata dall’artista quanto dalla Regina. Ci sono ramoscelli di biancospino – come quelli che ogni anno vengono donati alla Sovrana per decorare il tavolo nel giorno di Natale – e colori che variano dal: giallo, rosso, blu, rosa, arancione e verde.
La tecnica per questa creazione è quella classica utilizzata dal Barley Studio, con sede a York e che ha collaborato a lungo con Hockney per tradurre la sua idea in qualcosa di reale.
Helen Whittaker, direttore creativo dello studio, ha raccontato che: “lavorare con David è stato semplice perché è sempre stato chiaro su ciò che voleva ritrarre”. L’artista invece ha dichiarato: “con questa esperienza ho imparato tantissime cose sul vetro che non sapevo. È stata una vera sfida, ma utilizzare l’ipad ha agevolato il mio lavoro. Alla regina piacerà il mio progetto di vetrata? Lo spero davvero, anzi ne sono sicuro!”.

IL QUADRO DI DAVID HOCKNEY

Quello che tutto il mondo si sta chiedendo è se il quadro di David Hockney riuscirà a battere tutti i record superando i 58,4 milioni di dollari dell’Orange balloon dog (1994) di Jeff Koons venduto da Christie’s New York nel 2013. L’opera Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) – realizzata nel 1972 e stimata 80 milioni di dollari (circa 68,4 milioni di euro) – è stata messa in vendita dal multimiliardario Joe Lewis, proprietario anche della squadra di calcio inglese del Tottenham Hotspur che, secondo il Bloomberg Billionaires Index, ha una fortuna che si aggira intorno ai 5,5 miliardi di dollari. Ma perché quest’opera è così importante e la sua messa nel mercato ha creato così tanto scalpore? È considerato uno dei lavori più rappresentativi dell’artista ancora non in mano ad un’Istituzione museale ed è stata esposta anche in occasione di una retrospettiva dedicata a Hockney tra il novembre 2017 e il febbraio 2018 al Metropolitan di New York. Per sapere a quanto verrà battuta Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) bisogna attendere fino al 15 novembre.

– Valentina Poli

 

Dati correlati
AutoreDavid Hockney
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.