Photology Air, apre a Noto in Sicilia il parco che coniuga arte contemporanea, “rovine” e natura

Nato da un’idea della galleria Photology, il progetto interessa una tenuta di 30 ettari di terreno nei pressi della barocca Noto, per una programmazione che prevede mostre, installazioni all’aperto, rassegne di cinema e percorsi didattici per i più piccoli

Photology Air, immagini del parco
Photology Air, immagini del parco

Se negli ultimi giorni vi abbiamo parlato delle mostre inaugurate a Palermo subito dopo le giornate di preview e l’opening di Manifesta – configurandosi, tra l’altro, come la “punta di un iceberg” che nei prossimi mesi vedrà il capoluogo siciliano un pullulare di progetti espositivi e artistici “collaterali” e “off” rispetto alla biennale –, dall’altra parte sembra proprio che l’effetto Manifesta abbia varcato i confini della città, giungendo fino alla Sicilia orientale, più precisamente a Noto, in provincia di Siracusa. La “capitale del Barocco” – nel 2002 il centro storico di Noto è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco – è infatti protagonista di un’operazione artistica che coinvolge una tenuta di 30 ettari di terreno, per un disegno culturale e architettonico di natura conservativa scandito attraverso i linguaggi dell’arte contemporanea. Photology AIR (Art In Ruins) è il titolo del progetto promosso da Photology, galleria specializzata in fotografia fondata nel 1992 a Milano da Davide Faccioli che, nel corso degli anni, ha cambiato sedi, forma, progettualità, città su cui investire. E una di queste è proprio Noto.

Photology Air, immagini della tenuta Busulmone a Noto
Photology Air, immagini della tenuta Busulmone a Noto

IL PROGETTO

Photology AIR (Art In Ruins) è uno spazio all’aperto dedicato all’arte contemporanea, a pochi chilometri dal centro di Noto, ospitato nei trenta ettari della tenuta Busulmone, all’interno delle rovine senza tetto di un monastero del XIX secolo che, dopo i lavori di restauro, adesso è sede di mostre, film festival, residenze d’artista, laboratori e spazi per la degustazione di prodotti enogastronomici locali. “L’idea di Photology AIR nasce dalla possibilità di unire l’arte nelle sue più diverse declinazioni ed il turismo, facendo sì che il gusto, la qualità e la cultura possano trovare uno spazio comune nel medesimo luogo”, spiega ad Artribune Davide Faccioli. “L’occasione per rendere fattibile tale progetto è stata data dai trenta ettari della Tenuta Busulmone di Noto. Traendo ispirazione dalla sezione ‘Utopia of Ruins’ della Biennale di Venezia del 2014 e dunque dal tema delle ‘rovine’ già noto in Sicilia (si pensi alla Chiesa dello Spasimo), si è così provveduto al restauro dei resti del convento ottocentesco della tenuta. Il risultato raggiunto”, continua Faccioli, “costituito dall’antico edificio risanato e dalla presenza della zona collinare circostante, ha dato vita a una location innovativa che, di anno in anno, ospiterà diverse proposte artistiche tra installazioni, arte, cinema, territorio, cultura e tradizione agroalimentare siciliana”.

IL PROGRAMMA E GLI EVENTI

Fino al 23 settembre, la Tenuta Busulmone ospiterà una programmazione di eventi suddivisa in 4 sezioni: Exhibitions, con esposizioni di opere di artisti internazionali allestite in un percorso tra le rovine del convento; Art Trail, un itinerario immerso nella natura in cui verranno esibite, ogni anno, installazioni realizzate da artisti invitati in residenza; Art Film Fest, una rassegna di film all’aperto dai contenuti legati al mondo dell’arte, e infine Art for Kids, progetto didattico dedicato ai più piccoli. Land Art in America è il titolo della mostra che inaugura la sezione Exhibitions, una serie di lavori del fotografo Gianfranco Gorgoni che include opere di grande formato realizzate a partire dalla fine degli anni Sessanta, in collaborazione con gli artisti della Land Art americana come Christo, Walter De Maria, Michael Heizer, Nancy Holt, Richard Serra, Robert Smithson, fino ai più recenti lavori con Ugo Rondinone. Per la sezione Art Trail, invece, i visitatori, guidati dal curatore Gino Gianuizzi, potranno esplorare la Tenuta Busulmone andando alla ricerca delle installazioni realizzate da Stefano Boccalini, Angelo Candiano, Cuoghi e Corsello, Ilkka Halso, Giuseppe Lana, Domenico Mangano & Marieke van Rooy, Luca Pancrazzi, Paolo Parisi, Pettena e Pace, Luca Vitone, Wolfgang Weileder.

– Desirée Maida

www.photology.com

Evento correlato
Nome eventoPhotology AIR (Art In Ruins)
Vernissage16/06/2018 ore 17,30 su invito
Duratadal 16/06/2018 al 23/09/2018
Genereinaugurazione
Spazio espositivoTENUTA BUSULMONE
IndirizzoContrada Busulmone - Noto - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.

1 COMMENT

  1. La prima foto nell’articolo non è assolutamente un’immagine del parco.
    L’inconfondibile stile all”Italiana”(quello triste) di Photology che tenta di rifarsi dopo il flop milanese. A nulla vale il tentativo di fuga dalla cattiva reputazione se non cambia l’approccio. Soldi sprecati, artisti ingannati. L’italia sbagliata.

Comments are closed.