Sculture, rumori e partiture musicali. Massimo de Caria a Milano

Assab One, Milano ‒ fino al 20 luglio 2018. L’ex sede industriale della GEA, dal 2002 convertita in spazio espositivo, ospita la personale di Massimo de Caria. Un ambiente cinetico attraversato da sculture instabili, rumori metallici e composizioni musicali.

Tra il 2013 e il 2018 Massimo de Caria (Napoli,1968) costruisce un corpus di installazioni mobili, assemblando materiali prettamente scultorei con elementi prelevati da una vecchia fabbrica di macchine affrancatrici. Dalle forme grezze ma armoniche e dall’incessante suono dei motori, questi corpi ibridi guardano con una certa malinconia al neorealismo, come se i vecchi pezzi industriali avessero bisogno di un sostegno materiale più prezioso e contemporaneo. Una piuma rotante accarezza una pietra, un batuffolo di cotone collegato a un braccio meccanico fa vibrare una bacchetta metallica, mentre una candela accesa, compiendo giri su se stessa, rovescia la propria cera e contamina il pavimento.
Laddove l’installazione non è dotata di suono proprio, le composizioni di Paolo Ricci, realizzate ad hoc, producono un’eco immateriale che dà voce alle sculture. Insomma, un ambiente immersivo, anche se l’allestimento di Giorgio Verzotti da un lato assicura il carattere esperienziale della mostra, dall’altro rischia di soffocare i lavori per l’eccessivo dialogo con il luogo industriale circostante.

Arianna Cavigioli

Evento correlato
Nome eventoMassimo De Caria - Sculture, rumori e partiture musicali
Vernissage28/05/2018 ore 18
Duratadal 28/05/2018 al 20/07/2018
AutoreMassimo De Caria
CuratoreGiorgio Verzotti
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoASSAB ONE
IndirizzoVia Assab 1 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Cavigioli
Arianna Cavigioli (Milano, 1995) è un’artista laureata in Pittura e Arti Visive presso NABA, con una tesi che analizza i casi-studio inerenti alla museologia e propone un modello di exhibition display che tenta di sfuggire alla logica museale del white cube. Le sue opere sono state esposte presso La Fabbrica del Vapore, Fondazione Pini e Current. Attualmente studia presso NABA e collabora con Forme Uniche.