Italia protagonista in Norvegia in una mostra al Vestfossen KunstLaboratorium. Le immagini

È curata da Demetrio Paparoni la mostra Contemporay Chaos, che sarà ospitata per tutta l’estate nelle sale del Vestfossen KunstLaboratorium, a circa un’ora da Oslo. Oltre sessanta gli artisti, tra cui una nutrita schiera di italiani. Ecco un po’ di immagini in anteprima assoluta

Contemporary Chaos, curated by Demetrio Paparoni, 2018, Vestfossen Kunstlaboratorium, photo Nina Ansteni. From the left: Nadiah Bamadhaj, Alessandro Mendini, Paolo Iacchetti, Alessandro Mendini, Francesco Polenghi, Ghazaleh Avarzamani.
Contemporary Chaos, curated by Demetrio Paparoni, 2018, Vestfossen Kunstlaboratorium, photo Nina Ansteni. From the left: Nadiah Bamadhaj, Alessandro Mendini, Paolo Iacchetti, Alessandro Mendini, Francesco Polenghi, Ghazaleh Avarzamani.

In Norvegia è considerato ormai un appuntamento fisso la mostra estiva del Vestfossen KunstLaboratorium a Vestfossen, a circa un’ora di treno da Oslo. Un’esposizione in cui l’Italia è protagonista grazie al curatore Demetrio Paparoni (Siracusa, 1954), che ha selezionato oltre sessanta artisti internazionali, tra cui una nutrita schiera di italiani. “Rispetto a ‘Le Nuove Frontiere della Pittura’, che ho appena curato alla Fondazione Stelline”, racconta Paparoni ad Artribune,e che è stata una mostra con un apparato critico-scientifico che non mi lasciava molta libertà di azione, questa è una mostra ‘sentimentale’. Il tema, la difficoltà di orientarsi tra i linguaggi della società contemporanea dopo la Rivoluzione telematica, mi ha lasciato molta libertà nelle scelte”. La mostra, che si intitola Contemporay Chaos, presenta artisti che provengono da tutto il mondo, anche da aree geografiche cheun tempo sarebbero state considerate periferiche, mettendo, dunque, in evidenza il moltiplicarsidi centri propulsori dell’arte. Nota assolutamente positiva ma che vanifica ogni tentativo di catalogazione critico-teorico.

LE OPERE E LO SPAZIO

Contemporary Chaosoffre più chiavi di lettura teorico-formali, includendo dipinti, fotografie, video, performance e grandi installazioni disposti nei quattro piani del grande edificio di una ex fabbrica di cellulosa. “È stata la natura stessa della mostra a suggermi di muovermi in questo modo”,continua Demetrio Paparoni, “si tratta infatti della sedicesima edizione di una rassegna che (insieme ad altre due esposizioni, autonome rispetto a quella curata da me) si tiene ogni anno da maggio a settembre. D’inverno Vestfossen è coperta di neve e c’è poca luce, da maggio a settembre le giornate sono lunghissime, la natura invita alla festa. Scelti gli artisti, la difficoltà è stata distribuire le loro opere nei quattro piani del Kunst Laboratorium, che è uno spazio difficile da allestire, ma che proprio per questo offre la possibilità di creare percorsi molto intensi”. Ecco in anteprima assoluta un po’ di immagini della mostra…

  Mariacristina Ferraioli

Contemporary Chaos / 5 maggio – 23 settembre 2018
Vestfossen KunstLaboratorium
Fabrikkgata 11C, 3320 Vestfossen, Norvegia
http://www.vestfossen.com/no/

 

Dati correlati
CuratoreDemetrio Paparoni
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia e Icon Design. Sta conseguendo un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano ed è docente a contratto presso diverse istituzioni tra cui l’Accademia di Belle Arti di Brera.