Anche la figlia di Beyoncé cresce e diventa una giovane… collezionista!

Cresce la lista dei figli d’arte. È il turno di Blue Ivy Carter, primogenita della coppia Beyoncé e Jay Z, che a soli 6 anni sembra avere già un fiuto innato per gli affari. E in occasione dell’asta organizzata dalla nonna Tina Knowles per beneficenza ha sbaragliato la concorrenza acquistando i pezzi più pregiati…

Beyoncé e Jay Z

Ha soli 6 anni ed è già una star, seguitissima dai media di tutto il mondo e un’icona di stile universale. E non potrebbe essere altrimenti dato che la piccola Blue Ivy Carter altro non è che la figlia di Beyoncé e Jay Z, due tra le celebrities più famose e ricche del pianeta. La piccola di casa non vuole essere da meno e dimostra chiaramente di sapere quello che vuole. In occasione di un’asta di beneficenza organizzata dalla nonna Tina Knowles si è imposta acquistando alcuni pezzi pregiati.

I PICCOLI “FIGLI DI” CRESCONO…

Pare che nessuno riesca a rubare la scena alla splendida Beyoncé e al suo ricchissimo marito, il rapper e producer Jay Z, tranne che… la loro primogenita la piccola Blue Ivy, di soli sei anni. La famiglia in grande spolvero ha partecipato alla seconda edizione di Wearable Art Gala a Los Angeles, un evento organizzato da Tina Knowles, la mamma della cantante, con lo scopo di raccogliere fondi per Waco Theatre Centre, organizzazione no profit per sostenere progetti d’arte. La piccola esponente della famiglia Carter non è passata inosservata. In primis per l’outfit, un enorme vestito che richiamava i supereroi della Marvel, tema della serata, e che rimandava ad una piccola principessa guerriera egiziana con tanto di copricapo. Inutile sottolineare che mamma e figlia siano state le più fotografate dell’evento. Ma la vera notizia è l’inaspettato il fiuto per gli affari che Blue Ivy ha dimostrato di avere sbaragliando (quasi) la concorrenza nell’aggiudicarsi uno splendido paio di orecchini di Lorraine Schwartz da 17mila dollari e dei libri rari di medicina e di legge per un valore di 10 mila euro. Peccato solo che non sia riuscita, dopo una lunga “battaglia”, a portarsi a casa un quadro di Sidney Poitier. Tranquilla Blue, non preoccuparti, siamo certi che andrà meglio la prossima volta!

Russell Crowe con la ex moglie Danielle Spencer
Russell Crowe e Danielle Spencer a Sydney nel 2011 – foto di Paul Cush

C’È CHI COMPRA E C’È CHI VENDE PER PAGARSI IL DIVORZIO…

E se da un lato c’è una piccola collezionista in erba, dall’altro c’è uno degli attori più famosi e pagati di Hollywood costretto a mettere all’asta parte dei suoi beni per “pagare” il divorzio dalla moglie Danielle Spencer. È Russell Crowe che ha organizzato a Sidney, per il prossimo 7 aprile, un’asta intitolata ironicamente The Art of Divorce. L’attore ha commentato così questa scelta “il divorzio ha un suo modo di farti veramente esaminare le cose che sono essenziali nella vita e quelle che non lo sono. Durante il processo, ho dato un’occhiata in giro e mi sono reso conto che avevo un sacco di cose. Oggetti di scena, materiale che ho raccolto e oggetti di ogni genere. Scatole e scatole di cose… quindi, nello spirito di andare avanti, eccone una parte”. Crowe metterà in vendita oltre 200 lotti, tra abiti di scena dei suoi film più noti, come il pluripremiato Il gladiatore, la sua collezione di gioielli ed orologi Cartier, Chanel e Chopard, per un valore di mercato che si aggira tra i 54.932 e i 78.486 dollari e alcune chitarre da collezione stimate tra i 233-390 e i 39.000-78.000 dollari. Spazio anche per l’arte contemporanea con opere di Charles Blackman, Pro Hart, Brett Whiteley, Arthur Boyd, Sidney Nolan e Robert Dickerson. Il pezzo più ambito? L’armatura indossata da Russell Crowe ne Il gladiatore  che si aggira tra i 15.700 e i 23.544 verdoni. Ça va sans dire!

  Valentina Poli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.