Libreria 121+ era già la libreria più bella di Milano. Ora la riprogetta un artista

Ancora progetti d’artista nella galleria Libreria 121+ a Milano: Giuseppe De Mattia ridisegna gli spazi per contenere i libri ispirandosi a Bruno Munari e a Mimmo Conenna.

La libreria Corraini e il progetto di De Mattia
La libreria Corraini e il progetto di De Mattia

I progetti della Galleria Corraini, presso la Libreria 121+, offrono una rilettura dello spazio-libreria inteso non solo come contenitore ma anche come forma malleabile, destinata ad accogliere libri, installazioni e opere di design. Nella sede milanese di via Savona 17, la mostra Casa, studio, libreria (fino al 7 aprile), firmata da Giuseppe De Mattia, è, come recita anche il sottotitolo, un omaggio a Bruno Munari e Mimmo Conenna. Punto di partenza, l’Abitacolo di Munari, oggetto già multitasking in epoca non sospetta che aggregava letto, scrivania, contenitori e quanto serve a coltivare un’autonomia operativa sviluppata su più fronti, dal sonno alla veglia.

DAGLI ANNI ’70 AD OGGI

Del progetto originale, prodotto dall’azienda Robots S.p.a., nel 1971, come ricordano i manifesti d’antan che corredano l’intervento, si mantiene l’impianto con scaffalatura in metallo che De Mattia utilizza per incorniciare una branda posizionata direttamente sul pavimento. La struttura, una sorta di aereo baldacchino, ospita appunti, immagini e oggetti d’uso, parafernalia di varie fogge e funzioni forniti per assecondare un luogo destinato al lavoro e al pensiero. All’Abitacolo, rivisitato e rieditato per l’occasione, si associa una specifica tipologia di libro, il manuale, destinato ad accompagnare propositi, idee e manufatti. Il progetto si completa con le opere dello stesso De Mattia, ‘10 lanci di fascia elastica’, ossia semplici perimetri disegnati su carta. Memoria di lanci effettuati con fucile di legno, incluso nell’installazione, fissati in traiettorie nere, a sostituire l’elastico, teso fino allo spasimo e poi caduto inerme a disegnare cerchi e volute inconsapevoli.

La libreria Corraini e il progetto di De Mattia
La libreria Corraini e il progetto di De Mattia

OMAGGIO A MIMMO CONENNA

C’è molta della poetica dell’artista barese, interessato a conservare, archiviare, riclassificare oggetti, consapevolmente selezionati perché in grado di attivare un cortocircuito empatico con la memoria. De Mattia ricorre spesso a materiali poveri, cartone, carta vetrata, inchiostro e olio d’oliva, utilizzati, per esempio, nella serie ‘Oggetti poveri e 7 forme semplici’. Anche in questo caso si tratta di un omaggio, nella fattispecie a Mimmo Conenna, in mostra anche lui con opere provenienti dall’Archivio Corraini. A completamento del variegato intervento, degli inediti della serie Calypsonian, fotografie inquadrate da colorati pendagli che a loro volta riferiscono di scarti e abbandoni e appunti per opere future, gli “Strumenti per disegnare onde sul cemento fresco”. Dichiarato tributo all’eloquenza espressiva delle forchette dai rebbi mutanti, ancora del geniale Munari.

Marilena di Tursi

Evento correlato
Nome eventoGiuseppe De Mattia - Casa studio e libreria
Vernissage14/03/2018
Duratadal 14/03/2018 al 07/04/2018
AutoreGiuseppe de Mattia
Generidesign, arte contemporanea
Spazio espositivo121 + LIBRERIA EXTEMPORANEA
IndirizzoVia Savona 17/5 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.