Giovani creativi ed elezioni: nasce il progetto il mio vo(l)to, ritratto del mood pre-elettorale

80 artisti e molti altri in arrivo. Uno di loro potresti essere tu: tutti infatti possono partecipare al progetto visivo che racconta in un grande collage social i sentimenti degli italiani verso prossime elezioni

“Non ci interessa se e cosa voterai, il motivo della tua scelta (o non scelta), se sei maschio o femmina, il tuo numero di scarpe. Ci interessa sapere come ti senti nei confronti delle prossime elezioni politiche del 4 marzo”. Così si apre la open call di “Il mio vo(l)to”, il progetto visivo nato da un’idea dell’illustratrice Chiara Dal Maso per dare forma, anzi volto, al sentimento collettivo pre-elettorale. Tutti gli artisti e i creativi d’Italia sono chiamati a raccontare attraverso un’immagine, un messaggio, un segno o un’icona, il proprio stato d’animo. Nessuna critica sociale o messaggio politico – anche se molti dei contributi inviati e attualmente online sui social restituiscono una fotografia à la Otto Dix tutt’altro che neutrale ed ottimistica – quanto piuttosto un collage polifonico ed emotivo dal valore documentale che mira, non a caso, a confluire in un volume non molto diverso dall’inglese “ME & EU”, progetto creato da Nathan e Sam T. Smith nella Gran Bretagna post referendum Brexit. Come si sentono i giovani creativi italiani adesso? Si legge nel “mio vo(l)to”. E può ancora cambiare espressione, basta caricare un .jpg sul sito  https://ilmiovolto.it/. Ecco intanto le immagini della mappa (ad oggi) delle emozioni.

– Marta Milasi

https://ilmiovolto.it/
https://www.instagram.com/ilmiovolto/
https://www.facebook.com/events/2064452807209111/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Milasi
Marta Milasi è autrice ed editor-in-chief dell’e-commerce al femminile mysecretcase.com, per il quale cura delle rubriche settimanali su UrbanPost, Marie Claire, Donna Moderna e Lahar Magazine, tra gli altri. Scrive di arte, design ed illustrazione su Polkadot e MilanoFree ed insegna scrittura creativa presso alcune associazioni culturali di Milano. Laureata in Lettere Moderne all'Università degli Studi di Milano con una tesi su Dostoevskij, ha iniziato a guardare film d’autore a 5 anni e non ha più smesso. Oltre al cinema, ama l’arte contemporanea, le arti grafiche, i romanzi russi e le poesie italiane. Non se la cava affatto male con la musica, di cui è ottima conoscitrice.