Come è andata Artissima? Non male, almeno secondo i galleristi. Ecco le nostre videointerviste

1
1728

Si respira un’aria di sostanziale ottimismo tra gli stand della fiera, almeno secondo i galleristi che sembrano apprezzare la nuova fiera di Artissima diretta da Ilaria Bonacossa. Anche se c’è qualcuno che lamenta una scarsa presenza di collezionisti…

È stata un’edizione positiva Artissima 2017, la prima targata Ilaria Bonacossa. Una prima prova che sembra aver convinto abbastanza per il carattere identitario della fiera, un display degli stand efficace e proposte di indubitabile qualità. E poi, diciamo la verità, se qualcuno ha qualcosa da ridire lo fa a telecamere spente… Un buon inizio, dunque, che ha convinto i veri protagonisti della manifestazione: i galleristi che, con opinioni magari diverse, hanno dichiarato tutti una certa soddisfazione. Non ci credete? Ascoltateli con le vostre orecchie.
Sì, perché a poche ore conclusione della rassegna torinese, Artribune ha fatto il classico giro per gli stand a raccogliere in brevi interviste video le impressioni degli espositori: e, anche se qualcuno ha lamentato una presenza inferiore rispetto agli anni precedenti di grandi collezionisti, tutti gli interpellati si sono dichiarati molto soddisfatti dell’organizzazione, del pubblico presente e delle vendite portate a termine. Ecco cosa ci hanno raccontato.

In ordine di apparizione, nel nostro video ascolterete:
1. Sveva D’Antonio, direttrice Galleria Laveronica
2. Umberto Di Marino
3. Alberto Peola
4. Nathalie Gaillard, direttrice Galleria Christophe Gaillard, Parigi
5. Laura Chiara, direttore Galleria Lorcan O’Neill, Roma
6. Fabrizio Padovani, direttore P420, Bologna
7.Will Lunn, direttore Copperfield, Londra
8.Miguel Angel Sanchez, direttore ADN, Barcellona
9. Carolina Esposito, Sprovieri, Londra
10. Salman Matifar, direttore Ab Anbar, Teheran

– Mariacristina Ferraioli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.