Storie di superficie. Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark a Venezia

Galleria Alma Zevi, Venezia ‒ fino al 21 dicembre 2017. La galleria lagunare riunisce per la prima volta due artisti che condivisero, senza mai incontrarsi, una profonda riflessione sullo spazio, capovolgendone limiti e sembianze. E dando vita a un’indagine visiva che tocca le corde della percezione.

Mettono in scacco il rassicurante ordine imposto dall’architettura e le regole auree del sistema percettivo gli interventi di Heidi Bucher (Winterthur, 1926 ‒ Brunnen, 1993) e Gordon Matta-Clark (New York, 1943-1978), riuniti nell’intimità spaziale della galleria Alma Zevi. Accostati per la prima volta, i lavori dei due artisti parlano un linguaggio straordinariamente simile, giocato su un lessico di inversioni visive e su una delicata trama di indovinelli architettonici, i quali trovano soluzione nell’occhio di chi guarda.
Nei Bronx Floors di Matta-Clark i celeberrimi tagli dell’artista americano sono applicati alle travi di un edificio abbandonato nell’omonimo quartiere della Grande Mela, mentre i Borg floors della Bucher individuano nel pavimento del suo studio zurighese ‒ un’ex cella frigorifera di una macelleria ‒ lo straniante oggetto di un calco dalla consistenza quasi organica. Superfici e memorie di un tempo sezionato o calpestato si tendono la mano in un surreale gioco di rimandi, tra sopra e sotto, vuoto e pieno. Completano la mostra i video proiettati verso la strada, vestigia di due performance andate in scena nello stesso anno, il 1972: Tree Dance di Matta-Clark e Body Shells di Bucher, a riprova di un sentire comune, finalmente portato alla luce.

Arianna Testino

Evento correlato
Nome eventoGordon Matta-Clark
Vernissage22/09/2017 ore 18
Duratadal 22/09/2017 al 21/12/2017
AutoreGordon Matta-Clark
Generiarte moderna e contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoALMA ZEVI
IndirizzoSan Marco 3357 Salizzada San Samuele 30124 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).