Ricamare il presente. Gianfranco Basso a Lecce

Palazzo Vernazza, Lecce ‒ fino al 24 settembre 2017. La mostra racconta un immaginario visivo legato all’arte del ricamo e realizzato esclusivamente con ago, filo e cerchietto.

Il lavoro laborioso di Gianfranco Basso (Lecce, 1978) si compone di gesti lenti, antichi e precisi che inseguono una traccia, un disegno, forano il tessuto e imbastiscono una storia. Nelle mani dell’artista l’ago e il filo sono strumenti quotidiani che compiono quasi dei movimenti ritmici, attraverso i quali Basso segna sulla stoffa un variegato immaginario figurativo, che racconta la contemporaneità fatta di riflessioni personali, suggestioni e inquietudini sociali. Su queste basi la ricerca dell’artista leccese entra in relazione con le più ampie imprese artistiche di una grande donna, che negli anni ha raccolto l’eredità domestica e femminile della sua terra, la Sardegna, generando un’operazione artistica unica e oggi più che mai di importante attualità.
Dalle quindici tele in esposizione, ricamate quasi tutte a mano eccetto una realizzata a macchina, emerge una silente poetica narrativa legata non solo all’idea della produzione delle opere, ma anche a una rappresentazione stilistica nella quale le sinuose silhouette, dai fili variopinti e dai tessuti neutri, sono come ombre solitarie e nitide impresse in un’atmosfera di statica attesa. Dai tessuti fiorati a quelli rigati, le anonime figure cucite da Basso affascinano anche per quel dinamismo compositivo evocato dalle superfici monocromatiche. Needle Time è una mostra intima, dall’allestimento sobrio, ben curato e che ridefinisce con rispetto gli spazi espositivi di un luogo storico.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Evento correlato
Nome eventoGianfranco Basso - Needle Time
Vernissage09/09/2017 ore 19
Duratadal 09/09/2017 al 24/09/2017
AutoreGianfranco Basso
CuratoreCarmelo Cipriani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoPALAZZO VERNAZZA
Indirizzovia palazzo dei conti - Lecce - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.