Apre a Torino ViadellaFucina16. Il primo condominio-museo al mondo. E il format è replicabile

Il programma di residenza per artisti ideato da Kaninchen-Haus, l’Associazione Culturale dei Coniglioviola, produrrà opere negli spazi comuni di un palazzo dell’800 abitato da 200 inquilini di ogni nazionalità.

Il condomio museo di viadellafucina16
Il condomio museo di viadellafucina16

A Torino uno stabile diroccato risalente all’800, abitato da oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distribuiti in 53 appartamenti, si prepara a diventare il primo esperimento internazionale di museo condominiale. Stiamo parlando di ViadellaFucina16 condominio-museo, il nuovo programma di residenza per artisti ideato da Kaninchen-Haus, l’Associazione Culturale del duo di artisti Coniglioviola che, dopo aver ideato il gemellaggio tra artisti, si è inventata questo inedito format nell’edificio di via La Salle 16 (già via della Fucina), nel quartiere torinese di Porta Palazzo. “Il progetto è nato da una mia proposta informale presentata a un primo gruppo di abitanti del palazzo (quindi è nato “dal basso”) a gennaio 2016”, ci spiega Brice Coniglio, “All’inizio pensavamo di realizzare il tutto in maniera totalmente indipendente, ma quest’anno è stato finanziato da SIAE e MiBACT nell’ambito del Bando ‘SILLUMINA – Residenze artistiche e di formazione’ e dal Programma Housing di Compagnia di San Paolo”. Così, grazie al sostegno di questi due bandi, il primo, del valore di 36mila euro e il secondo, di 20mila euro, e alla collaborazione di partner come il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli e del collettivo a.titolo, il progetto darà vita alla prima collezione al mondo d’arte condominiale.

LA RESIDENZA

Tramite open call internazionale, aperta a proposte di qualsiasi disciplina, gli artisti saranno invitati a trascorrere periodi di residenza nello stabile, durante i quali realizzare interventi e opere negli spazi comuni, dove rimarranno esposte permanentemente al pubblico, diventando parte della collezione di ViadellaFucina16 condominio-museo, per attivare un dialogo tra le diverse comunità che lo abitano e favorire la riqualificazione del palazzo. Quanti saranno gli artisti selezionati per questa prima residenza prevista da luglio a dicembre? “Almeno quattro artisti under35 ma presumibilmente di più”, risponde Brice Coniglio, “Il Bando si è aperto il 25 maggio e ora in pochissimi giorni abbiamo già ricevuto più di 100 application da tutto il mondo. Il progetto inoltre è aperto anche ad artisti over35 oppure torinesi che vogliano partecipare spontaneamente al progetto, ad esempio donando un’opera o svolgendo una funzione di tutor per gli artisti più giovani, per non escludere nessun artista”.

UN FORMAT REPLICABILE

I progetti vincitori saranno, poi, selezionati dagli stessi abitanti del condominio con la mediazione di un board di curatori e di addetti ai lavori. Ma c’è di più, perché dal 2018 ViadellaFucina16 condominio-museo diventerà un format replicabile in altri spazi, grazie al team di sociologi, antropologi dell’Università degli Studi di Torino ed economisti della cultura che monitora l’intero progetto: “vogliano costruire un hub a Torino di eccellenza dedicato a offrire servizi agli artisti e agli operatori dell’arte contemporanea in genere – conclude Brice Coniglio -, collaborando con la rete di istituzioni locali nonché con le imprese”. C’è ancora tempo fino al 25 giugno per iscriversi al bando.

-Claudia Giraud

http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).